Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Legittimo il recesso dal contratto preliminare di compravendita se manca l’abitabilità dell’immobile – Cass. civ. Sez. II^, Ordinanza (ud. 12-11-2019) del 20-05-2020, n°9226

  • 26 maggio 2020
  • avv. Luigi Romano

Con la recente ordinanza n°9226/2020, depositata lo scorso 20 maggio 2020, la Suprema Corte di Cassazione si è pronunciata sulla legittimità dell’esercizio del diritto di recesso del promissario acquirente dal contratto preliminare di compravendita a seguito dell’assenza del certificato di agibilità dell’immobile al momento della stipula del contratto definitivo.

La vicenda

La controversia origina dal ricorso ex art. 702 bis c.p.c. con cui i promittenti venditori di un immobile…

[Continua a leggere]

Covid-19 e Giustizia: i chiarimenti della Suprema Corte sulla portata delle misure adottate dal Governo, dalla sospensione dei termini processuali al rinvio delle udienze

  • 20 aprile 2020
  • avv. Luigi Romano

Dal 1° aprile 2020 sono disponibili sul sito http://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/Rel028-2020.pdf, i chiarimenti offerti dalla Corte di Cassazione sul contenuto e la portata delle misure adottate dal Governo per il contrasto al diffondersi del corona virus, di cui al D.L. n°18/2020.

In particolare:

  • il rinvio d’ufficio delle udienze deve essere inteso come “un mero rinvio ex lege e non di una sospensione dei processi, sicché non si applica…
[Continua a leggere]

Coronavirus e diritto di visita: cosa cambia con le recenti ordinanze del 22 marzo 2020 del Ministero della Salute e il DPCM del 22 marzo 2020?

  • 23 marzo 2020
  • avv. Luigi Romano

La predetta norma ha generato in poco tempo notevole confusione, tanto negli operatori della giustizia quanto nei genitori separati, in merito alle conseguenze del predetto divieto sull’esercizio del diritto di visita del genitore non collocatario della prole.

A fronte dei predetti dubbi, il Governo, nelle FAQ diramate sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha opportunamente chiarito, in data 10 marzo 2020, che: gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso…

[Continua a leggere]

Affido del minore ai servizi sociali? Legittimo anche in caso di mancata previsione della relativa durata e modalità – Cass. civ. Sez. I^, Ordinanza del 12 novembre 2018 n. 28998

  • 16 novembre 2018
  • avv. Luigi Romano

A seguito della novella apportata dal D.lgs. n°154 del 28 dicembre 2013 e all’introduzione nel Titolo IX (“Della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio”) del Libro Primo, del capo II – rubricato “Esercizio della responsabilità genitoriale a seguito di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili, annullamento, nullità del matrimonio ovvero all’esito di procedimento relativi ai figli nati fuori del matrimonio” – è stato attribuito al…

[Continua a leggere]

Assegno divorzile, a chi spetta? Disamina delle pronunce di merito successive alla sentenza delle Sezioni Unite n°18287/18

  • 6 novembre 2018
  • avv. Luigi Romano

Il principio di diritto enunciato dalle Sezioni Unite con la recente sentenza n°18287 dell’11 luglio 2018

Come oramai noto a tutti, o quasi, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n°18287 del 11 luglio 2018, hanno chiarito la natura e i presupposti per il riconoscimento dell’assegno di divorzio enunciati dall’art. 5 della legge n°898 del 1° dicembre 1970, pronunciando il seguente condivisibile principio di diritto: Ai sensi della L. n. 898 del…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, Sezioni Unite, sentenza del 28 settembre 2018 n°23620: è valida la notificazione eseguita all’indirizzo pec tratto dall’albo professionale di appartenenza, a prescindere dall’omesso inciso “notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994”

  • 22 ottobre 2018
  • avv. Luigi Romano

Con una recente pronuncia, datata 28 settembre 2018, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, hanno ritenuto valida la notificazione eseguita all’indirizzo pec di un collega, risultante dall’Albo professionale di iscrizione, ancorché priva dell’inciso “notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994” nonché dell’indicazione del codice fiscale della parte nel cui interesse era stato notificato il provvedimento giudiziario.

La vicenda in esame

Un’Azienda…

[Continua a leggere]

Prima pronuncia italiana sul c.d. “D.P.O.” – illegittima la richiesta del possesso della certificazione ISO/IEC/27001 quale “titolo abilitante” -TAR Friuli Venezia Giulia, Sez. I^, sentenza del 13 settembre 2018, n°287

  • 20 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

Il Data Protection Officer

Dal 25 maggio 2018, come tutti sanno, è entro in vigore il c.d. GDPR – General Data Protection Regulation– che ha introdotto obblighi stringenti per professionisti e imprese, volti ad elevare il livello di informazione e tutela dei dati personali.

Tra le novità di maggior rilievo vi è senza dubbio quella del c.d. Data Protection Officer (D.P.O), il quale, ai sensi dell’art. 37, viene designato dal titolare e dal responsabile del trattamento,…

[Continua a leggere]

Il c.d. danno dinamico-relazionale, conseguente alla morte dei figli, non è soggetto all’onere della prova – Cass. civ., sez. III^, ordinanza del 19 Luglio 2018, n°19158

  • 17 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

I fatti di cui è causa

I congiunti ed eredi di due giovani, morti a seguito di un incidente stradale, convenivano in giudizio il conducente della vettura – che, invadendo la loro corsia di marcia, ne aveva causato la morte – unitamente alla compagnia assicurativa, al fine di vedersi condannati in solido al risarcimento dei danni, dagli stessi quantificati in € 1.650.000,00.

Il Tribunale di Cuneo, investito della questione, pur ritenendo accertata la responsabilità esclusiva del…

[Continua a leggere]

Comportamenti ostruzionistici del genitore collocatario? Inammissibile la richiesta di condanna ex art.614 bis c.p.c. – Tribunale di Mantova, decreto del 12 luglio 2018

  • 14 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

Il legislatore, con legge n°69/2009 ha introdotto nel nostro ordinamento l’art. 614 bis c.p.c., quale deterrente di natura economica agli inadempimenti di obblighi difficilmente coercibili, con il quale il giudice, su istanza di parte, può condannare l’obbligato al pagamento di un somma “…per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell’esecuzione del provvedimento” [1].

Detta misura è stata recentemente invocata da un padre in un giudizio, in cui…

[Continua a leggere]

Addio all’assegno di mantenimento per la prole e all’assegnazione della casa – analisi del DDL “Pillon”

  • 4 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

Il primo agosto 2018, nel pieno dell’estate, è giunto in Senato il disegno di legge n°735 del 2018, c.d. DDL “Pillon”, dal nome del suo primo firmatario. Il disegno di legge si pone l’obiettivo di modificare radicalmente il diritto di famiglia, partendo dalla ripartizione paritetica dei tempi di permanenza dei figli, sino alle sue conseguenze in punto di assegno di mantenimento e di assegnazione della casa familiare.

Le origini europee del DDL

Nella relazione al DDL Pillon…

[Continua a leggere]

Pagina 1 di 2 12