Termini e mezzi di impugnazione avverso il decreto del Tribunale per i minorenni che pronuncia la decadenza della madre dalla potestà genitoriale e l'affidamento esclusivo dei figli minori al padre - Cassazione 21 marzo 2011 n. 6319

Cassazione 21 marzo 2011, n. 6319

E' suscettibile di impugnazione in forme e termini diversificata il decreto del Tribunale per i minorenni che si definisce sia con la declaratoria di decadenza della madre dalla potestà genitoriale, ex art. 330 cod. civ., sia con l’affidamento esclusivo dei figli minori al padre e con la regolamentazione dei rapporti demandata ai Servizi, ai sensi dell’art. 317-bis cod. civ.

1)  la statuizione emessa ai sensi dell’art. 317-bis cod. civ., concernente l’affidamento dei figli minori e l’eventuale regime di visita del genitore non affidatario, ha natura sostanziale di sentenza e va impugnata con appello mediante ricorso nei termini di impugnazione di cui agli artt. 325 e 327 cod. pro. civ. (ossia, entro trenta giorni dalla sua notificazione ad istanza della controparte – non essendo sufficiente la mera comunicazione del biglietto di cancelleria – ovvero entro sei mesi dalla pubblicazione del decreto).

2)  la statuizione emessa ai sensi dell'art. 330 cod. civ., avente ad oggetto la decadenza di un genitore dalla potestà, deve essere impugnata, entro dieci giorni dalla notificazione del decreto, con reclamo ex art. 739 cod. proc. civ., tenuto conto che, in riferimento ai provvedimenti di cui agli artt. 330 e 333 cod. civ., appare ancora preminente il profilo di controllo della potestà, nell’interesse dei figli minori, e dunque l’assenza di “decisorietà”, e la possibilità di revoca di provvedimenti, anche prescindendo da un mutamento di circostanze, ai sensi dell’art. 742 c.p.c..
 

stampa

pubblica su facebook

Torna indietro

Altri articoli

Anche per il Tribunale di Milano la PAS non esiste - decreto 13 ottobre 2014

Cass. pen. sez. VI^, sentenza n. 41192 del 03/10/2014: Commette reato il padre che regista le conversazioni figli con la sua ex

Cass. sez. VI^, ordinanza 14 ottobre 2014, n. 21670 - Divorzio: la riduzione del patrimonio del coniuge onerato, può giustificare una riduzione dell'assegno a suo carico.

Cass., sez. VI^, ordinanza n. 17 ottobre 1014 n. 22084 - Preferisce il porno sul cellulare alla moglie. All'uomo va addebitata la separazione.

Cassazione, sez. I^, sentenza 20 marzo/15 luglio 2014, n. 16170: ha ragione la moglie a cacciare il marito di casa e a chiedere l'addebito se il partner è un abituale frequentatore di night club

Tribunale Civile di Milano, sez. IX^, decreto 17 giugno 2014 - No al trasferimento unilaterale del figlio minore da parte di uno dei genitori

Corte di Cassazione, sezione II, 4 settembre 2014, n. 18695 sulla donazione obnuziale

Tribunale di Milano, decreto 17 luglio 2014 - No alla trascrizione del matrimonio tra persone dello stesso sesso contratto all'estero

Tribunale Milano 19 marzo 2014 - Quando può essere richiesta la quota del TFR del marito?

Cass. 6 giugno 2014, n. 12781: si all'assegno di mantenimento con un termine di scadenza in favore della moglie in sede di separazione