Termini e mezzi di impugnazione avverso il decreto del Tribunale per i minorenni che pronuncia la decadenza della madre dalla potestà genitoriale e l'affidamento esclusivo dei figli minori al padre - Cassazione 21 marzo 2011 n. 6319

Cassazione 21 marzo 2011, n. 6319

E' suscettibile di impugnazione in forme e termini diversificata il decreto del Tribunale per i minorenni che si definisce sia con la declaratoria di decadenza della madre dalla potestà genitoriale, ex art. 330 cod. civ., sia con l’affidamento esclusivo dei figli minori al padre e con la regolamentazione dei rapporti demandata ai Servizi, ai sensi dell’art. 317-bis cod. civ.

1)  la statuizione emessa ai sensi dell’art. 317-bis cod. civ., concernente l’affidamento dei figli minori e l’eventuale regime di visita del genitore non affidatario, ha natura sostanziale di sentenza e va impugnata con appello mediante ricorso nei termini di impugnazione di cui agli artt. 325 e 327 cod. pro. civ. (ossia, entro trenta giorni dalla sua notificazione ad istanza della controparte – non essendo sufficiente la mera comunicazione del biglietto di cancelleria – ovvero entro sei mesi dalla pubblicazione del decreto).

2)  la statuizione emessa ai sensi dell'art. 330 cod. civ., avente ad oggetto la decadenza di un genitore dalla potestà, deve essere impugnata, entro dieci giorni dalla notificazione del decreto, con reclamo ex art. 739 cod. proc. civ., tenuto conto che, in riferimento ai provvedimenti di cui agli artt. 330 e 333 cod. civ., appare ancora preminente il profilo di controllo della potestà, nell’interesse dei figli minori, e dunque l’assenza di “decisorietà”, e la possibilità di revoca di provvedimenti, anche prescindendo da un mutamento di circostanze, ai sensi dell’art. 742 c.p.c..
 

stampa

pubblica su facebook

Torna indietro

Altri articoli

Tribunale Torino 1 luglio 2014 - Addebito della separazione per violazione del dovere di fedeltà coniugale - Onere della prova

Cass. 8 luglio 2014 n°1556: anche il padre di un avvocato può essere condannato a pagare il mantenimento al figlio

Cass. civ. 23 maggio 2014, n. 11516 - le investigazioni dell'investigatore privato valgono come prova dell'infedeltà coniugale nel giudizio di separazione

Cassazione 20 giugno 2014 n.14143 - il marito non può eludere il suo obbligo di mantenimento della moglie, creando, successivamente, un'esposizione debitoria

Cass. 20 giugno 2014, n. 14128 - Deve essere riconosciuto un assegno divorzile, anche se contenuto, alla donna che ha fattivamente contribuito ai progressi di carriera compiuti dal marito

Cass. 26 giugno 2014, n. 27923 - punibile l'ex marito che non versi l'assegno di mantenimento ai figli e alla moglie che sia obbligata a pagare ogni mese una parte consistente dello stipendio per il mutuo.

Cassazione 30 giugno 2014, n. 14794 - Gli eredi non possono annullare il matrimonio contratto dal de cuius in stato di incapacità di intendere e volere

Cass. 2 luglio 2014 n.15143 - il giudice deve ascoltare il figlio minore sempre che non sia contrario alle esigenze del minore stesso.

Cass. 26 giugno 2014, n. 14501 Il marito, anche se licenziato, deve versare il previsto assegno divorzile in favore dell'ex moglie, in precaria posizione patrimoniale.

Cass. 10 giugno 2014 n. 13026 - sulla quantificazione dell'assegno di mantenimento rilevano costanti elargizioni da parte dei familiari