Diritto di visita ai figli non rispettato: anche un solo episodio può avere conseguenze penali - Cass. pen. 1 settembre 2010 n. 32562

La Corte di cassazione, con pronuncia n. 32562 depositata il 1° settembre 2010, ha respinto il ricorso presentato da una madre, affidataria di una figlia minore, avverso il provvedimento con cui la Corte d'appello di Bologna l'aveva condannata per aver impedito all'ex marito di vedere la bambina ex art. 388 cod. pen., condannando l'imputata a risarcire l'ex coniuge del danno, liquidato in € 3.000,00.

La madre censurava le determinazioni del Giudice di secondo grado lamentando che la vicenda coniugale non era stata compiutamente e complessivamente valutata e che, in particolare, non le era stata applicata la scriminante dello stato di necessità avendo la stessa agito solo nell'interesse della figlia. 

Per la Sesta sezione della Corte, tuttavia, i giudici di merito avevano correttamente descritto le prove sulla cui base avevano ritenuto sussistente la consapevole condotta di quest'ultima volta ad eludere le statuizioni del giudice sul diritto di visita del padre; condotta questa – afferma la Corte di legittimita` – “realizzabile anche con un solo atto che riveli la dolosa elusione del dovere di rispettare le decisioni del giudice sull'affidamento e l'esercizio dei diritti inerenti la potesta` genitoriale”.

 

stampa

pubblica su facebook

Torna indietro

Altri articoli

Cassazione 10 febbraio 2015 n°580 - assegno divorzile alla moglie che non trova lavoro e che nel corso del matrimonio si è dedicata alla famiglia trascurando l'attività professionale

Tribunale Torino 15 Gennaio 2015 sulla negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio.

Trib. Torino 22 gennaio 2015 - affidamento esclusivo c.d. rafforzato e provvedimenti amministrativi che limitano la responsabilità genitoriale

Cass. Sez. VI/3 16 Febbraio 2015 n. 3079 - illecito endofamiliare - diritto al risarcimento dei danni per violazione obbligo di mantenimento del figlio naturale

Cass. sez. VI/1, ordinanza 9 febbraio 2015 n. 2445 - la sola documentazione fiscale non è sufficiente per deciderne l'ammontare dell'assegno di mantenimento

Cass., sez. VI Penale, 19 febbraio 2015, n. 7611 - madre condannata per non aver consentito al marito separato di vedere i figli minori nei giorni e negli orari stabiliti

Cass. 28 gennaio 2015 n. 1631 - diversità tra assegno di mantenimento e assegno divorzile in favore del coniuge

Tribunale Milano decreto 14 gennaio 2015 - anche il padre, così come la madre, ha diritto di occuparsi del proprio figlio, anche se in tenera età

Cass. Sez. VI/1 17 dicembre 2014 n. 26636 - sulla discrezionalità del Giudice nel disporre accertamenti della polizia tributaria in ordine ai redditi del coniuge obbligato detenuti all'estero

Cass. sez. VI/1 ordinanza 24 dicembre 2014 n. 27386 - quando si ha riconciliazione coniugale?