Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

A quali condizioni è possibile usucapire le parti comuni del condominio?

  • 27 luglio 2009
  • avv. Maria Martignetti

In tema di condominio di edifici, il condomino che pretenda di vantare l’appartenenza esclusiva di un bene indicato nell’art. 1117 c.c., deve fornire la prova della sua asserita proprietà esclusiva derivante da titolo contrario consistente in un negozio o nell’usucapione (Cass. 19 ottobre 1998 n°10334).

Secondo Cass. 27 luglio 2009 n.17462 in tema di compossesso il godimento esclusivo della cosa comune da parte di uno dei compossessori non è, di per sé, sufficiente a far ritenere lo…

[Continua a leggere]

Assegnazione della casa familiare in locazione o in comodato

  • 30 aprile 2009
  • avv. Maria Martignetti

Quanto al regime dell’assegnazione di beni in locazione o in comodato

 

Nell’ipotesi in cui la casa familiare sia stata concessa in locazione, il genitore affidatario o collocatario subentra nel rapporto locativo, ex lege, e sarà quindi obbligato a corrispondere il canone in via esclusiva, anche quando il contratto originario sia stato sottoscritto da entrambi i coniugi (cfr. Cass. 30 aprile 2009, n. 10104). Ovviamente il Giudice dovrà tener conto del predetto a carico del genitore…

[Continua a leggere]

Riconosciuto il diritto di assegnazione della casa familiare anche in caso di rottura della convivenza

  • 4 ottobre 2008
  • avv. Maria Martignetti

La Corte costituzionale, già con sentenza 13 maggio 1998, n. 166, ha riconosciuto il diritto di assegnazione della casa familiare anche in caso di rottura della convivenza more uxorio, ritenendo non fondata, con riferimento agli artt. 3 e 30 Cost., la questione di legittimità costituzionale dell’art. 155 comma 4 c.c., «nella parte in cui non prevede la possibilità di assegnare in godimento la casa familiare al genitore naturale affidatario di un minore, o convivente con prole…

[Continua a leggere]

Tribunale per i minorenni di Trieste 21 agosto 2013: interruzione dei rapporti del genitore detenuto con il figlio; diritto al risarcimento dei danni

  • 30 luglio 2015
  • admin

Il Tribunale per i minorenni di Trieste 21 agosto 2013 afferma i seguenti condivisibili principi:

–     l’Amministrazione penitenziaria deve farsi carico nel governo delle dislocazioni dei detenuti e dei custoditi, di garantire quanto più possibile, salva ogni eventuale contraria disposizione dell’Autorità giudiziaria, l’effettività della frequentazione tra genitori detenuti e figli minori, effettività che attiene al rispetto dei diritti personali e inalienabili di…

[Continua a leggere]

Cass. 22 novembre 2013 n. 26205: disinteresse del padre e danno da vuoto emotivo

  • 1 novembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

L’obbligo della protezione della filiazione, ovverosia il diritto del figlio ad essere educato e mantenuto (obbligo conseguente alla procreazione) significa, per il figlio, poter condividere, fin dalla nascita, con il proprio genitore la relazione filiale, sia nella sfera intima ed affettiva, di primario rilievo nella costituzione e nello sviluppo dell’equilibrio psico-fisico di ogni persona, sia nella sfera sociale, mediante la condivisione ed il riconoscimento esterno dello status…

[Continua a leggere]

Pagina 39 di 39 36373839
«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)