Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Si al risarcimento del danno, oltre all’addebito, se il tradimento del marito lede l’onore e la dignità della moglie Cass. civ. Sez. VI – 1 Ordinanza, 28/09/2015, n. 19193

  • 1 ottobre 2015
  • avv. Maria Martignetti

Se il coniuge continua con la relazione extraconiugale facendo credere, con atteggiamenti equivoci e mistificatori, che la crisi è superata, deve pagare un cospicuo risarcimento alla moglie, perché così facendo ha leso la sua dignità cagionandole uno stato di depressione.

Lo afferma la Cassazione, Sez. VI – 1 con ordinanza, 28/09/2015, n. 19193

Aggiunge poi la Corte, nello stesso provvedimento che l’assegnazione della casa coniugale al coniuge non proprietario è legittima solo…

[Continua a leggere]

Cass. 28 settembre 2015, n. 19194 – la nascita di un figlio da una nuova relazione è ragione sufficiente per chiedere una riduzione del mantenimento per l’ex coniuge e per i figli?

  • 25 ottobre 2015
  • avv. Maria Martignetti

La costituzione di una nuova famiglia non rappresenta solo una mera scelta personale, trattandosi di un diritto fondamentale, garantito a livello costituzionale (sent. Cass. 6289 del 19.03.2014). Il nuovo nucleo familiare costituito dopo un provvedimento di separazione o divorzio, non può considerarsi “di serie B” rispetto al primo, dovendo invece godere della medesima tutela.

Conseguentemente, ritiene la Corte di Cassazione, con sentenza 28 settembre 2015 n. 19194, che  «ai fini…

[Continua a leggere]

Cass. ordinanza 23 settembre 2015 n. 18816 – in quali casi il reddito da lavoro della donna esclude il diritto all’assegno divorzile?

  • 18 ottobre 2015
  • avv. Maria Martignetti

In sede di divorzio, resta quasi sempre da sciogliere il nodo relativo al mantenimento del coniuge.

Nel caso in esame, la posizione della moglie era di assoluta tranquillità economica, dato che risultava proprietaria della casa in cui viveva, titolare di un reddito da lavoro sufficiente ad assicurarle un’esistenza dignitosa. Ma, soprattutto, la donna non aveva dimostrato di aver goduto, durante il matrimonio, di un più elevato tenore di vita.

Per tali ragioni, al momento del…

[Continua a leggere]

Cass. 2 settembre 2015, n. 17433 – Lecito licenziare badanti e colf, anche se incinte

  • 26 ottobre 2015
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di Cassazione,  con la sentenza 2 settembre 2015 n.17433, afferma che è lecito licenziare la colf o la badante rimasta incinta non è illecito.

E ciò in quanto l’art. 62 del D.lgs.151/01, nel richiamare le varie norme applicabili al lavoro domestico, omette di citare quella in tema di divieto di licenziamento durante la maternità. Conseguentemente le lavoratrici domestiche non godono degli stessi diritti riconosciute alle altre lavoratrici madri e possono essere licenziante…

[Continua a leggere]

Tribunale Roma 25 giugno 2015, Sezione I^, Giud. Galterio: no al risarcimento del danno in favore del coniuge tradito richiesto successivamente alla separazione consensuale

  • 29 ottobre 2016
  • avv. Maria Martignetti

Nell’accertamento dell’addebito, il Giudice deve tenere in considerazione tutte le circostanze che hanno condotto alla crisi familiare, di talchè non solo non sono sufficienti episodiche violazioni di singoli doveri coniugali, ma, anche in caso dio trasgressioni reiterate, occorrerà in ogni caso accertare in quale contesto le stesse siano maturate, valutando le intese e i compromessi progressivamente raggiunti dai coniugi nel corso della vita matrimoniale, il loro sistema di valori e i…

[Continua a leggere]

Cassazione 17 dicembre 2014 n. 26636 – in quali casi possono essere le indagini sui redditi del coniuge obbligato, che siano prodotti e detenuti all’estero

  • 14 novembre 2015
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di Cassazione, con ordinanza 17 dicembre 2014 n. 26636, afferma che in tema di concessione o meno del mantenimento in sede di divorzio, il giudice di merito ha libera discrezionalità nell’istruzione della causa; tuttavia, non può condurre la fase probatoria in modo carente, ignorando in toto le allegazioni di una delle parti.

Conseguentemente il giudice della separazione deve disporre le indagini sui redditi del coniuge obbligato, posseduti all’estero, quando l’altro coniuge…

[Continua a leggere]

Cass. civ. Sez. III^, Sentenza del 20 maggio 2015, n°10261: L’indennità per la perdita dell’avviamento commerciale è dovuta anche in caso di mancato pagamento da parte del conduttore di talune mensilità ex art. 1591 c.c. dopo la naturale scadenza del contratto

  • 7 dicembre 2015
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza 20 maggio 2015, n°10261, ha accolto il ricorso presentato dalla conduttrice di un locale commerciale avverso una sentenza con cui la Corte d’Appello di Bologna aveva negato il suo diritto all’indennità per la perdita di avviamento commerciale per non aver corrisposto alcuni canoni successivamente alla scadenza naturale del contratto di locazione, sull’erroneo presupposto che quest’ultimo si fosse tacitamente rinnovato dopo la scadenza,…

[Continua a leggere]

Atto costitutivo e statuto della società a responsabilità limitata semplificata – MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 23 giugno 2012, n. 138

  • 23 giugno 2012
  • avv. Maria Martignetti

Atto costitutivo e statuto della società a responsabilità limitata semplificata – MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 23 giugno 2012, n. 138

Regolamento sul modello standard di atto costitutivo e statuto della società a responsabilità limitata semplificata e individuazione dei criteri di accertamento delle qualità soggettive dei soci in attuazione dell’articolo 2463-bis, secondo comma, del codice civile e dell’articolo 3, comma 2, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito,…

[Continua a leggere]

Oggi possibili le indagini sui debitori, tramite l’accesso diretto alle banche dati utilizzate dalla pubblica amministrazione come l’Anagrafe Tributaria, gli archivi dell’INPS, il PRA, l’anagrafe dei conti

  • 2 ottobre 2015
  • avv. Maria Martignetti

A seguito all’entrata in vigore della Legge di conversione n°132 del 6 agosto 2015 è oggi possibile per i creditori presentare  al presidente del Tribunale una richiesta di autorizzazione all’accesso diretto alle banche dati utilizzate dalla pubblica amministrazione come l’Anagrafe Tributaria, gli archivi dell’INPS, il PRA, l’anagrafe dei conti correnti etc…..(in generale a tutti gli archivi automatizzati del Centro elaborazione dati istituito presso il Ministero dell’interno…

[Continua a leggere]

Affitti in nero quale sorte ? Convertito in legge il DL 28 marzo 2014 n°47

  • 28 marzo 2014
  • avv. Maria Martignetti

In data 20 maggio 2014 è stato approvato il DECRETO LEGGE 28 MARZO 2014, N. 47, modificandone l’Art. 5 con l’aggiunta  del comma 1-ter, secondo cui, tra le altre cose:  “Sono fatti salvi, fino alla data del 31 dicembre 2015, gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base dei contratti di locazione registrati ai sensi dell’articolo 3, commi 8 e 9, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23”.

La legge di conversione del decreto (L. 23 maggio 2014, n. 80) è stata…

[Continua a leggere]

Pagina 32 di 39 2930313233343536373839
«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)