Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Cass.7 gennaio 2021, n. 39 – in caso di occupazione abusiva il danno si presume fino a prova contraria

  • 21 gennaio 2021
  • avv. Maria Martignetti

Nel caso di occupazione illegittima di un immobile, il danno subito dal proprietario è oggetto di una presunzione correlata alla normale fruttuosità del bene, presunzione che, tuttavia, essendo basata sull’id quod plerumque accidit, ha carattere relativo iuris tantum e, quindi, ammette la prova contraria.

A confermarlo è la Cassazione con ordinanza 7 gennaio 2021, n. 39.

 

 

Cass. civ. Sez. VI – 2, Ord., (ud. 20-11-2020) 07-01-2021, n. 39

Svolgimento del processo – Motivi…

[Continua a leggere]

Cass. 13 gennaio 2021 n. 376 – Immobile acquistato da uno solo dei coniugi dopo la separazione personale

  • 20 gennaio 2021
  • avv. Maria Martignetti

Tra i coniugi, già in regime di comunione legale dei beni, non diviene di proprietà comune l’immobile acquistato da uno solo di essi dopo la loro separazione personale, quest’ultima costituendo causa di scioglimento della comunione medesima con la decorrenza prevista dall’art. 191 c.c., comma 2.

Invece, per l’opponibilità ai terzi dei descritti effetti dello scioglimento della comunione legale derivante dalla separazione personale dei coniugi, relativamente all’acquisto di beni immobili…

[Continua a leggere]

IL DIRITTO DI AUTODETERMINAZIONE IN MATERIA DI TRATTAMENTO SANITARIO

  • 11 gennaio 2021
  • avv. Claudia Romano

(Cass. civ., sez. III, sent. 23 dicembre 2020, n. 29469)

Il paziente ha sempre diritto di rifiutare le cure mediche che gli vengono somministrate, anche quando tale rifiuto possa causarne la morte.

Tale principio, ormai radicato nella giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. Civ. 23676/2008), ha comunque un limite: il dissenso alle cure mediche, per essere valido ed esonerare così il medico dal potere-dovere di intervenire, deve essere espresso, inequivoco ed attuale: non è…

[Continua a leggere]

Sono ripetibili, ai sensi dell’art. 2033 c.c., gli importi versati dal genitore a titolo di mantenimento per il figlio maggiorenne divenuto economicamente indipendente – Cassazione civile, sez. I^, ordinanza n°3659 del 29 novembre 2019, depositata il 13 febbraio 2020

  • 11 gennaio 2021
  • avv. Luigi Romano

Il caso

Con sentenza del 4 dicembre 1987, il Tribunale di Taranto dichiarava la cessazione degli effetti civili del matrimonio, ponendo a carico del padre il versamento di un contributo al mantenimento delle due figlie sino al termine degli studi universitari.

Nonostante le due figlie della coppia avessero conseguito la laurea e si fossero altresì sposate, rispettivamente nel 1994 e nel 1998, l’ex moglie notificava all’ex marito, in data 3 maggio 2006, un precetto di pagamento per…

[Continua a leggere]

ALLONTANARE IL FIGLIO DALL’ALTRO GENITORE LEDE IL DIRITTO ALLA BIGENITORIALITÀ

  • 4 gennaio 2021
  • avv. Claudia Romano

(Cassazione Civile ordinanza n. 28723 del 16 dicembre 2020)

L’evoluzione del diritto di famiglia, allo stato dell’arte, si deve ancora occupare della portata e dei confini entro i quali circoscrivere il concetto di bigenitorialità, introdotto dalla legge n. 54 del 2006.

In cosa consiste il principio di bigenitorialità?

Il principio di bigenitorialità è il principio etico in base al quale un bambino ha una legittima aspirazione, vale a dire, un legittimo diritto a mantenere un…

[Continua a leggere]

SUPERBONUS – I CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

  • 4 gennaio 2021
  • avv. Luigi Romano

L’Agenzia delle Entrate, con circolare n°30/E del 22 dicembre 2020, ha offerto ulteriori preziosi chiarimenti in merito alla “Detrazione per interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico degli edifici prevista dall’articolo 119 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio)”.

Tra di essi, si segnala:

  • la definizione di “accesso autonomo all’esterno”, introdotto dal comma 1-bis della legge n°104 del 14 agosto 2020, da…
[Continua a leggere]

Comunicazione alla clientela – chiusura durante le festività natalizie

  • 24 dicembre 2020
  • avv. Luigi Romano

Gentili Clienti,

lo Studio Legale Martignetti – Romano rende noto che resterà chiuso durante le vacanze natalizie:

– da giovedì 24 dicembre 2020 (a partire dalle ore 13:30) a domenica 27 dicembre 2020;

– venerdi 1° gennaio 2021;

– mercoledi 6 gennaio 2021

Per urgenze vi invitiamo a contattarci ai seguenti recapiti:

– avv. Maria Martignetti 339/119.57.27;

– avv. Luigi Romano 333/444.67.07;

– avv. Claudia Romano 345/92.36.551.

Con l’occasione auguriamo ai nostri clienti e ai loro…

[Continua a leggere]

DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITA': MEZZI DI PROVA ED EFFETTI

  • 21 dicembre 2020
  • avv. Claudia Romano

(Cass. Civ., Sez. I, Ord., 11 dicembre 2020, n. 28330)

L’azione di riconoscimento di paternità (articolo 269 c.c.) è un’azione attribuita al figlio naturale nei confronti del presunto genitore, volta ad ottenere un provvedimento giudiziale che produca gli stessi effetti del riconoscimento.

L’oggetto dell’accertamento è il dato biologico della procreazione e la paternità può essere provata con ogni mezzo.

Tale prova sarà, essenzialmente, per presunzioni, essendo in…

[Continua a leggere]

VOLONTARIO ABBANDONO DELLA CASA CONIUGALE E ADDEBITO DELLA SEPARAZIONE

  • 10 dicembre 2020
  • avv. Claudia Romano

(Cass. Civ., Sez. I, Ord., 30 novembre 2020, n. 27235)

Il vincolo del matrimonio impone ai coniugi il dovere di condividere il tetto coniugale e convivere nella stessa casa, salvo siano presenti altre esigenze, ad esempio di carattere lavorativo.

Quando però il matrimonio attraversa una grave crisi, succede spesso che uno dei due coniugi decida di allontanarsi dalla casa coniugale, prima della separazione.

Tuttavia, l’allontanamento dalla casa coniugale è legittimo solo in…

[Continua a leggere]

Interrotto il termine per l’impugnazione della delibera assembleare a seguito dell’avvio della mediazione: Tribunale civile di Roma, sez. V^, sentenza del 12 ottobre 2020, depositata in cancelleria il 13 ottobre 2020

  • 9 dicembre 2020
  • avv. Luigi Romano

Il Tribunale civile di Roma, sez. V^, con la sentenza in oggetto, ha chiarito che il termine di 30 giorni per l’impugnazione di una delibera condominiale, di cui all’art. 1137 co. 2° c.c., deve ritenersi interrotto (e non sospeso) dalla proposizione dell’istanza di mediazione, con conseguente sua decorrenza, di nuovo e per intero, dalla data di sottoscrizione del verbale negativo di mediazione.

Il caso

Due condomini evocavano in giudizio il condominio per ottenere…

[Continua a leggere]

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)