Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Assegno di mantenimento e prova presuntiva – Cass. Sez. 1 16 luglio 2010, n. 16763

  • 16 luglio 2010
  • avv. Maria Martignetti

L’art. 156 c.c. prevede al comma primo che con la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, il tribunale può disporre (a determinate condizioni indicate nella norma) l’obbligo per un coniuge di somministrare periodicamente all’altro un assegno, quando quest’ultimo non ha redditi adeguati.

A tal proposito la giurisprudenza di legittimità ha precisato:

– che detta disciplina costituisce una deroga al principio generale dell’onere della…

[Continua a leggere]

Ammissibile il ricorso in Cassazione ex art. 111 Cost. avverso il provvedimento di rigetto della domanda di rientro del minore nella residenza abituale, illecitamente trasferito all’estero – Cass. 14 luglio 2010 n°1659

  • 14 luglio 2010
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di Cassazione, pronunciandosi per la prima volta sulla questione, ha dichiarato ammissibile il ricorso ex art. 111 Cost. avverso il provvedimento di rigetto della domanda di rientro nella residenza abituale del minore, illecitamente trasferito in altro Stato, emesso dal Tribunale dei Minorenni, ai sensi dell’art. 11 paragrafi 6,7,8, del Reg. CE n. 2201 del 2003, in sede di riesame del precedente diniego dell’autorità giudiziaria dello Stato membro ospitante il minore sottratto,…

[Continua a leggere]

Assegno per il nucleo familiare e coppie di fatto – Cass. Sez. Lav. 18 giugno 2010 n.14783

  • 18 giugno 2010
  • avv. Maria Martignetti

La Corte, Sezione Lavoro, con sentenza 18 giugno 2010 n°14783 riconosce il diritto agli assegni familiari in relazione ai figli di una coppia di fatto, sebbene il padre fosse ancora legato in matrimonio con altra persona (dalla quale non era peraltro legalmente separato), affermando che la normativa sull’assegno richiede la condizione di figlio naturale riconosciuto e non anche necessariamente l’inserimento nella famiglia legittima.
Secondo detta sentenza:
–   la condizione di figlio…
[Continua a leggere]

Ai supercondomini si applica la disciplina in materia di condominio – Cass. 9 giugno 2010 n. 13883

  • 9 giugno 2010
  • avv. Maria Martignetti

La disputa riguarda la rottura dell’impianto idrico, unico per più condomini, ed la conseguente ripartizione di spesa per le opportune riparazioni.

In questo caso la Cassazione, con sentenza 9 giugno 2010 n. 13883 ha ritenuto applicabile  alla fattispecie l’art. 1117 c.c., n. 3, secondo cui gli impianti per l’acqua devono presumersi di proprietà comune fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini.

In conseguenza di ciò, posto…

[Continua a leggere]

Ancora sullo stalking – Cassazione 7 maggio 2010 n°25527

  • 7 maggio 2010
  • avv. Maria Martignetti

Due soli episodi di minaccia o molestia possono valere ad integrare il reato di atti persecutori previsto dall’art. 612 bis c.p., se abbiano indotto un perdurante stato di ansia o di paura nella vittima, che si sia vista costretta a modificare le proprie abitudini di vita, come è in realtà avvenuto nel caso di specie, che ha visto la parte lesa costretta perfino a cambiare casa e città per eludere la pressione indotta dal coniuge, che tuttavia aveva rintracciato la nuova abitazione,…

[Continua a leggere]

Abuso del processo e richiesta di equo indennizzo – Cass. 3 maggio 2010 n°10634

  • 3 maggio 2010
  • admin

La vicenda riguardava una richiesta di risarcimento, sulla base della legge Pinto, per i danni subiti a causa dell’eccessiva lunghezza di un processo amministrativo davanti al Tar del Lazio, nel quale tutte le parti avevano proposto, attraverso una pluralità di ricorsi (riuniti nella fase di merito), con identico patrocinio legale, contenenti domande connesse per l’oggetto e per il titolo (in punto di adeguamento triennale dell’indennità giudiziaria).
La Corte di Cassazione, con…
[Continua a leggere]

Appalto per lavori di manutenzione dello stabile condominiale: responsabilità solidale dell’impresa, del proprietario e del soggetto incaricato della gestione dell’immobile – Cassazione, Sez. III civile Sentenza 13 aprile 2010, n. 8697

  • 13 aprile 2010
  • avv. Maria Martignetti

Questi i principi esposti da Cassazione, Sez. III civile Sentenza 13 aprile 2010, n. 8697, in accoglimento delle difese articolate dal nostro Studio:

Del danno patito da persona il cui appartamento sia stato svaligiato da ladri, introdottivisi attraverso ponteggi installati per il restauro del fabbricato e privi sia di illuminazione che di misure di sicurezza, possono essere chiamati a rispondere non solo l’impresa che ha realizzato i ponteggi stessi e il condominio, ma anche il soggetto…

[Continua a leggere]

Attenzione ad utilizzare, in sede di precisazione delle conclusioni, la formula “somma maggiore o minore ritenuta dovuta” – Cass. 16 marzo 2010, n. 6350

  • 16 marzo 2010
  • avv. Maria Martignetti

Attenzione ad utilizzare, in sede di precisazione delle conclusioni, la formula “somma maggiore o minore ritenuta dovuta”

E questo perché, ad avviso della seconda sezione della Corte di Cassazione, sentenza 16 marzo 2010, n. 6350:

– la formula “somma maggiore o minore ritenuta dovuta” o altra equivalente, che accompagna le conclusioni con cui una parte chiede la condanna al pagamento di un certo importo non può considerarsi di per sè una clausola meramente di stile quando vi sia la…

[Continua a leggere]

Alle società di persone si applica l’art. 2495 cod. civ. relativo alla cancellazione dal registro delle imprese – Cass. S.U. 22 febbraio 2010 n°4060

  • 22 febbraio 2010
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di  Cassazione a S.U. con sentenza n. 4060 del 22 febbraio 2010, dirimendo un contrasto sull’efficacia dichiarativa o costituiva della cancellazione della società semplice dal registro delle imprese, ha statuito che la modifica dell’art. 2495 cod. civ., ex art. 4 del d.lgs n. 6 del 2003, si applica anche alle società di persone, nonostante che la prescrizione normativa indichi esclusivamente quelle di capitali e quelle cooperative. Detta applicazione analogica è irretroattiva,…

[Continua a leggere]

Affido esclusivo al padre nel caso in cui la madre ostacoli la ricostruzione del rapporto di quest’ultimo con la figlia. PAS? Tribunale Matera 11 febbraio 2010

  • 11 febbraio 2010
  • avv. Maria Martignetti

«Posto che la convivenza della bambina con la madre rappresenta un insuperabile impedimento al riavvicinamento dell’altra figura genitoriale, stante il comportamento di diretta o indiretta suggestione e di indottrinamento della piccola che ha fatto nascere in lei un pregiudizio negativo circa la figura paterna, si ritiene necessario disporre l’affidamento esclusivo della bambina al padre al fine di ricostruire un normale rapporto padre-figlia».

Questa la motivazione posta a base del…

[Continua a leggere]

Pagina 27 di 29 242526272829
«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)