Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Comportamenti ostruzionistici del genitore collocatario? Inammissibile la richiesta di condanna ex art.614 bis c.p.c. – Tribunale di Mantova, decreto del 12 luglio 2018

  • 14 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

Il legislatore, con legge n°69/2009 ha introdotto nel nostro ordinamento l’art. 614 bis c.p.c., quale deterrente di natura economica agli inadempimenti di obblighi difficilmente coercibili, con il quale il giudice, su istanza di parte, può condannare l’obbligato al pagamento di un somma “…per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell’esecuzione del provvedimento” [1].

Detta misura è stata recentemente invocata da un padre in un giudizio, in cui…

[Continua a leggere]

Addio all’assegno di mantenimento per la prole e all’assegnazione della casa – analisi del DDL “Pillon”

  • 4 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

Il primo agosto 2018, nel pieno dell’estate, è giunto in Senato il disegno di legge n°735 del 2018, c.d. DDL “Pillon”, dal nome del suo primo firmatario. Il disegno di legge si pone l’obiettivo di modificare radicalmente il diritto di famiglia, partendo dalla ripartizione paritetica dei tempi di permanenza dei figli, sino alle sue conseguenze in punto di assegno di mantenimento e di assegnazione della casa familiare.

Le origini europee del DDL

Nella relazione al DDL Pillon…

[Continua a leggere]

Locazioni ad uso non abitativo: l’eventuale nullità della clausola sulla durata, ancorché preveduta dalle parti come essenziale ai sensi dell’art. 1419 co. 1 c.c., non comporta l’invalidità dell’intero contratto – Cass. civ. Sez. III^, Ordinanza n°20974, del 23 agosto 2018

  • 3 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, a distanza di quasi quattro anni dalla sentenza n°24843 del 21 novembre 2014, è tornata a pronunciarsi sulla validità dei contratti di locazione ad uso non abitativo in caso di nullità della clausola di durata, a seguito della previsione da parte dei contraenti di un termine inferiore al sessennio.

Il fatto di cui è causa

Con ricorso ex art. 615 c.p.c., co. 2, i conduttori di un immobile commerciale proponevano opposizione all’esecuzione intrapresa in…

[Continua a leggere]

Figli di genitori separati – divorziati: quali regole per le vacanze ?

  • 16 agosto 2018
  • avv. Maria Martignetti

Il provvedimento che dispone l’affido condiviso di un figlio minore e disciplina il suo diritto di frequentazione con il genitore non collocatario, di solito prevede espressamente il calendario di visite nel corso del periodo estivo.

Abitualmente il genitore non collocatario trascorre almeno due – tre settimane con il figlio nel corso dei tre mesi di sospensione delle lezioni scolastiche, sì da garantire al figlio la possibilità di vivere un rapporto di quotidianità con il genitore…

[Continua a leggere]

Tribunale Roma 30 marzo 2018  n. 3713 – è necessario esaminare il contenuto concreto del contratto per dare prova della simulazione

  • 1 luglio 2018
  • avv. Maria Martignetti

Va  dichiarata la simulazione del contratto, dissimulante una donazione nel caso di un contratto di mantenimento, a rogito notarile, con il quale un parte trasferisce all’altra la proprietà di un immobile a fronte dell’impegno di quest’ultima al mantenimento, vita natural durante, della parte trasferente. E ciò in quanto la sproporzione del contenuto economico delle prestazioni gravanti sul vitaliziante rispetto al valore del bene alienato non è sufficiente ad imprimere al negozio…

[Continua a leggere]

Il genitore non paga il mantenimento per i figli? Quando è possibile richiederlo ai nonni e agli altri ascendenti? – Cass. civ. Sez. VI^ – 1, Ordinanza del 2 maggio 2018, n°10419

  • 18 giugno 2018
  • avv. Luigi Romano

La corresponsione integrale e puntuale del mantenimento dovuto per i figli da parte del genitore obbligato rappresenta ai giorni d’oggi una vera e propria chimera. Sempre più, infatti, sono i genitori inadempienti, vuoi per una consapevole e deprecabile volontà degli stessi in tal senso vuoi per un’impossibilità oggettiva e materiale a provvedervi.

Il legislatore ha voluto fare fronte all’eventualità in cui ambedue i genitori non possano fare fronte alle esigenze alimentari dei…

[Continua a leggere]

Dal 12 giugno 2018 sono entrate in vigore le modifiche al codice deontologico forense. Maggiori doveri d’informazione e tipizzazione tendenziale degli illeciti

  • 18 giugno 2018
  • avv. Luigi Romano

Cari colleghi, sono oramai in vigore le modiche introdotte al nostro codice deontologico, pubblicate in G.U. n°86 del 13 aprile 2018, come chiarito dal CNF con circolare n°7-C-2018. Esse hanno ad oggetto nello specifico due articoli, disciplinanti, rispettivamente, la responsabilità disciplinare (art. 20) e i doveri d’informazione (art. 27, limitatamente al solo co. 3).

La modifica dell’art. 20, in particolare, è volta a chiarire il valore solo tendenziale del prinicipio di…

[Continua a leggere]

L’ex moglie ha una nuova stabile convivenza? Se comprovato l’assegno divorzile non è più dovuto -Tribunale di Ancona, sez. I^, decreto n°6360 del 21 maggio 2018

  • 13 giugno 2018
  • avv. Luigi Romano

Il Tribunale civile d’Ancona, si è recentemente pronunciato su una delle questioni più comuni che sorgono a seguito della disgregazione della famiglia “tradizionale” fondata sul matrimonio e dall’instaurazione di nuovi rapporti sentimentali da parte dell’ex moglie e l’ex marito: la debenza, o meno, dell’assegno divorzile.

Come sottolineato più volte negli ultimi anni dalla Suprema Corte, infatti, una mera relazione, priva dei caratteri di stabilità, non fa venir meno, di…

[Continua a leggere]

Chi è territorialmente competente a pronunciarsi sulla domanda di affido e mantenimento dei figli nati fuori dal matrimonio? – Tribunale di Mantova, sez. I^, 10 maggio 2018

  • 18 maggio 2018
  • avv. Luigi Romano

Il Tribunale di Mantova, con provvedimento del 10 maggio 2018, ha dichiarato la propria incompetenza a pronunciarsi sull’affido e mantenimento di un minore nato fuori dal matrimonio, in favore del giudice del luogo di residenza abituale dello stesso.

Come chiarito infatti nel provvedimento, è territorialmente competente a pronunciarsi su un ricorso ex art. 337 bis c.c. unicamente il giudice del luogo di residenza abituale del minore.

Ad avviso del Tribunale lombardo, infatti, ciò risulta…

[Continua a leggere]

Condanna di un padre per aver diffamato l’insegnante elementare del figlio – la dura presa di posizione della Suprema Corte – Cass. civ. sez. III^, Ordinanza n. 9059 del 12 aprile 2018

  • 27 aprile 2018
  • avv. Luigi Romano

Episodi di bullismo e di violenza tra studenti e insegnanti sono aimè sempre più frequenti non solo nella cronaca quotidiana ma anche nelle aule di Tribunale. Di recente la Corte di Cassazione pronunciandosi su un delicato giudizio originato dal ricorso presentato da una docente – vittima di una serie di infanganti ed infondate diffamazioni da parte del padre di un suo alunno – ha colto detta occasione per inviare un importante monito non relegabile al solo mondo giuridico.

I fatti di…

[Continua a leggere]

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)