Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Cass. 30 giugno 2016 n. 13435 – la legge non prevede limiti di età per chi intende procreare un figlio

  • 31 dicembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

La legge non prevede limiti di età per chi intende generare un figlio.

Per tale ragione la Cassazione, con sentenza 30 giugno 2016 n. 13435, ha accolto il ricorso straordinario di una coppia di coniugi ai quali la figlia era stata tolta a poche settimane della nascita per abbandono di minore.

Alla base dell’accusa, oggetto anche di  un processo penale, l’aver lasciato la bambina da sola in macchina.

Nel processo si era però chiarito che la bimba non aveva corso, in realtà, alcun…

[Continua a leggere]

Cass. 10 giugno 2016 n. 12013: spese straordinarie: ma è veramente necessario il consenso dell’altro genitore? No.

  • 22 ottobre 2016
  • avv. Maria Martignetti

Afferma la sesta sezione della Corte di Cassazione, con sentenza 10 giugno 2016 n. 12013 che il principio di bi-genitorialità non può comportare la effettuabilità e la rimborsabilità delle sole spese straordinarie che abbiano incontrato il consenso di entrambi i genitori escludendo così anche quelle spese che si dimostrino non voluttuarie e corrispondenti all’interesse del figlio beneficiario del diritto al mantenimento (quali quelle conseguenti alla scelta dell’università più…

[Continua a leggere]

Unioni civili e convivenze di fatto – legge n. 76 del 20 maggio 2016

  • 2 giugno 2016
  • avv. Maria Martignetti

Unioni civili e convivenze di fatto – legge 20 maggio 2016 n. 76

In data 5 giugno 2016 entrerà in vigore la Legge 20 maggio 2016 n. 76 ( G.U . 21.5.2016 S.G.. n. 118)  riguardante la: “ Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”.

Nei successivi trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge  saranno stabilite, con Decreto del presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministero dell’Interno, le…

[Continua a leggere]

Cass. 25 maggio 2016, n°10823 – Addebito della separazione per infedeltà e ripartizione dell’onere della prova

  • 29 maggio 2016
  • avv. Maria Martignetti

L’infedeltà – così come il diniego di assistenza, o il venir meno della coabitazione – viola uno degli obblighi direttamente imposti dalla legge a carico dei coniugi (art. 143, secondo comma, cod. civ.) così da infirmare, alla radice, l’affectio familiae in guisa tale da giustificare, secondo una relazione ordinaria causale, la separazione. È quindi la premessa, secondo l’id quod plerumque accidit, dell’intollerabilità della prosecuzione della convivenza, per causa non…

[Continua a leggere]

Cassazione, sez. Lavoro, 13 maggio 2016, n°9899 – In tema di mobbing: emarginazione sul lavoro e danno biologico

  • 22 maggio 2016
  • avv. Maria Martignetti

Un lavoratore, dipendente di banca, viene collocato in una postazione tale da essere isolato rispetto ai colleghi, con conseguente aggravamento della sua già precaria condizione psichica.

La relazione del consulente tecnico di ufficio, disposta in corso di causa, accertava che l’isolamento in cui era stato posto il bancario poteva aver influito negativamente sul suo stato psichico. La condizione di isolamento, in altri termini, aveva comportato l’aggravamento della malattia,…

[Continua a leggere]

La legge di stabilità 2016 e le modifiche alla legge Pinto

  • 2 luglio 2016
  • avv. Maria Martignetti

Dal 1 Gennaio 2016, è entrata in vigore la legge 28 dicembre 2015, n. 208, detta anche ‘legge di Stabilità 2016’. Quest’ultima normativa è indubbiamente molto importante su un piano generale ed anche per le rilevanti novità che riguardano ed interessano la vita professionale dell’Avvocato. Tra le più salienti si ricordano quelle relative: alle modifiche della legge Pinto; ai crediti per il patrocinio a spese dello Stato; al decreto di pagamento sempre in tema di patrocinio a…

[Continua a leggere]

Tribunale di Torino, sentenza del 4 aprile 2016 – La ferma volontà del figlio minore quindicenne di non frequentare il genitore secondo parametri fissi e rigidi non può essere superata dal tribunale, nemmeno attraverso una C.T.U.

  • 18 maggio 2016
  • avv. Maria Martignetti

In sintonia con le indicazioni provenienti dalla Corte Europea dei diritti dell’uomo (cfr. causa Santilli/Italia del 17.12.2013 e Bondavalli/Italia del 17.11.2015), affinché il principio della bigenitorialità trovi concreta ed effettiva attuazione al diritto del figlio di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori (art. 337 ter comma 1 c.c.) deve specularmente riconoscerci anche il diritto di ciascun genitore al mantenimento di rapporti effettivi con i…

[Continua a leggere]

Cass. civ. 21 aprile 2016, n. 8035 ancora sul consenso informato

  • 18 maggio 2016
  • avv. Maria Martignetti

La III sezione della Corte di Cassazione, con sentenza 21 aprile 2016, n. 8035 dà importanti chiarimenti in ordine al c.d. consenso informato da parte del paziente:

l’acquisizione da parte del medico del consenso informato costituisce prestazione altra e diversa da quella dell’intervento  medico richiestogli, assumendo autonoma rilevanza ai fini dell’eventuale responsabilità risarcitoria in caso di mancata prestazione da parte del paziente.

Trattasi di due distinti diritti:

  • il…
[Continua a leggere]

Cassazione Sezioni unite 10 maggio 2016 n. 9449 – sulla natura e sui criteri di ripartizione del danno da infiltrazioni provenienti dal lastrico solare

  • 13 maggio 2016
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di Cassazione, a sezioni unite, con sentenza del 10 maggio 2016 n. 9449 chiarisce la natura della responsabilità e le relative conseguenze sulla ripartizione delle spese nella frequente ipotesi di infiltrazioni dal terrazzo all’appartamento sottostante.
Ad avviso dei Giudici, in tema di condominio negli edifici, allorquando l’uso del lastrico solare non sia comune a tutti i condomini dei danni che derivino da infiltrazioni nell’appartamento sottostante rispondono:
– sia il…

[Continua a leggere]

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)