Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Cassazione Civile, SS.UU, sentenza 15 novembre 2016 n. 23225: le Sezioni Unite precisano e delimitano gli ambiti della compensazione legale e giudiziale

  • 3 dicembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di Cassazione, Sezioni Unite Civili, con la sentenza 15 novembre 2016, n. 23225, enuncia i seguenti principi di diritto in tema di compensazione:

A) “Le norme del codice civile sulla compensazione stabiliscono i presupposti sostanziali, oggettivi, del credito opposto in compensazione: liquidità – che include il requisito della certezza – ed esigibilità. Verificata la ricorrenza dei predetti requisiti, il giudice dichiara l’estinzione del credito principale per compensazione -…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, sez. VI^-1, ordinanza n°22677 dell’8 novembre 2016: Inutilizzabile nel processo civile il materiale probatorio sottratto fraudolentemente

  • 22 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Con ordinanza n°22677 del 1° luglio 2016, pubblicata in data 8 novembre 2016, la VI^-1 sezione della Suprema Corte di Cassazione ribadisce con fermezza l’inutilizzabilità nel giudizio civile “…del materiale probatorio acquisito mediante sottrazione fraudolenta alla parte processuale che ne era in possesso”.

La vicenda de quo trae origine da una feroce disputa in sede separatizia tra ex coniugi, avente ad oggetto l’addebito della separazione e l’affido della prole. All’esito…

[Continua a leggere]

Cassazione 5 maggio 2016 n. 8987 – la sospensione della prescrizione prevista dall’articolo 2941 del c.c. per i coniugi non opera in caso di separazione

  • 3 dicembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

Sulla base di questo principio, dettato non da una interpretazione letterale dell’art. 2941 c.c. ma dall’evoluzione del quadro normativo e della stessa coscienza sociale, la Corte di cassazione, Sezione VI – 1, con ordinanza del 5 maggio 2016 n. 8987 afferma che:

«la sospensione della prescrizione tra coniugi di cui all’art. 2941, n. 1, c.c. non trova applicazione al credito dovuto per l’assegno di mantenimento previsto nel caso di separazione personale, dovendo prevalere sul criterio…

[Continua a leggere]

Quanto conta la volontà del bambino per decidere il genitore collocatario?

  • 24 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Non basta la volontà del figlio “di stare con la mamma” per determinare il genitore presso il quale sarà disposto il suo collocamento abitativo. A dirlo è la Suprema Corte di Cassazione, sez. VI^-1, con ordinanza del 5 luglio 2016 n°23324, pubblicata il 16 novembre 2016.

La vicenda trae origine da una “classica” separazione all’italiana. Una giovane coppia si sposa e ha un figlio. Dopo poco i litigi aumentano sino a portare ad una situazione di inconciliabile conflitto, che…

[Continua a leggere]

Cos’è l’affido superesclusivo, quando è possibile richiederlo, quali diritti conserva il genitore non affidatario?

  • 23 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Cos’è l’affido superesclusivo, quando è possibile richiederlo, quali diritti conserva il genitore non affidatario? A queste domande ha dato di recente risposta il Tribunale di Modena, sez. II^, con sentenza del 26 gennaio 2016.

La vicenda trae origine da una triste vicenda familiare. Un coppia di coniugi marocchini risiedono in Italia con la loro unica figlia. Il padre di punto in bianco abbandona la casa, ritornando in Marocco, senza dare più notizie di sé per più di tre anni né…

[Continua a leggere]

Tribunale di Modena, sez. II^, sentenza del 26 gennaio 2016: Sì all’affido superesclusivo se il padre si rende irreperibile e non corrisponde più il mantenimento

  • 23 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Tribunale di Modena, sez. II^, con sentenza del 26 gennaio 2016, si pronuncia in favore del c.d. affido “superesclusivo” di una ragazza alla madre, di nazionalità marocchina, a seguito dell’allontanamento del padre, anch’egli di nazionalità marocchina, dalla casa familiare e del suo rientro nel suo Paese d’origine, facendo perdere le sue tracce.

Il Tribunale modenese, investito della questione, procede preliminarmente ad accertare la competenza giurisdizionale, quale giudice…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, sez. VI^-1, ordinanza n°23324 del 16 novembre 2016: Figlio “mammone”? il rapporto “simbiotico e di eccessiva dipendenza” con la madre legittima il collocamento del minore presso il padre al fine di favorire il suo equilibrato sviluppo e il loro avvicinamento.

  • 21 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con ordinanza del 5 luglio 2016 n°23324, pubblicata il 16 novembre 2016, si è pronunciata sul ricorso presentato da una moglie avverso la sentenza di separazione con cui il Tribunale di La Spezia prima e la Corte d’Appello di Genova poi avevano disposto l’affidamento condiviso del figlio minore con suo collocamento, a partire dall’inizio del successivo anno scolastico, presso il padre, ufficiale della M.M. trasferitosi a Roma, ponendo altresì a carico…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, 15 novembre 2016, n°23263: Assegno divorzile dalla data della domanda nel caso di moglie in situazione di difficoltà economica.

  • 16 novembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

Chiarisce la Corte di Cassazione, sez. VI^-1, con ordinanza  15 novembre 2016, n°23263, che l’assegno di divorzio – trovando la propria fonte nel nuovo “status” delle parti, rispetto al quale la pronuncia del giudice ha efficacia costitutiva – decorre dal passaggio in giudicato della statuizione di risoluzione del vincolo coniugale. A tale principio, tuttavia, ha introdotto un temperamento l’art. 4, comma decimo, della legge 1° dicembre 1970, n. 898, così come sostituito dall’art. 8…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, ordinanza n°22867 del 9 novembre 2016: In caso di improcedibilità dell’appello è dovere del giudice condannare la parte soccombente al pagamento del doppio contributo unificato

  • 15 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con ordinanza n°22867 del 15 settembre 2016, pubblicata in data 9 novembre 2016, chiarisce la natura della condanna dell’appellante soccombente al pagamento del doppio contributo unificato ex D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

La vicenda trae origine dal ricorso presentato da una donna, ammessa al gratuito patrocinio, avverso la sentenza con cui la Corte d’Appello della Capitale aveva dichiarato improcedibile il suo appello ex art….

[Continua a leggere]

Tribunale civile di Cagliari, sez. II^, sentenza del 13 luglio 2016: All’alienazione di quota ereditaria tra coeredi non si applica l’art. 732 c.c.

  • 10 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

 Il Tribunale civile di Cagliari, con sentenza del 13 luglio 2016, si pronuncia su un’interessante controversia in punto di retratto successorio, avente ad oggetto la vendita della quota ereditaria “ideale” tra coeredi.

La vicenda trae origine dal ricorso presentato da un coerede al fine di veder dichiarata l’inefficacia nei suoi confronti della vendita da parte di alcuni coeredi della loro quota ereditaria, effettuata in mancanza di un previo avviso, e il suo conseguente diritto…

[Continua a leggere]

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)