Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Come posso ottenere (o evitare) la riduzione dell’assegno di separazione?

  • 20 gennaio 2017
  • avv. Luigi Romano

Tra le battaglie giudiziarie che si consumano nelle aule di Tribunale, quella per il diritto a vedersi riconosciuto un congruo assegno separatizio dal proprio ex è certamente tra le più cruente e durature, destinata potenzialmente a non concludersi in un solo giudizio e formare oggetto di una serie di ricorsi volti alla sua rideterminazione alla luce di circostanze sopravvenute. Con il presente articolo proviamo a darvi una risposta ad alcune importanti domande.

Chi ha diritto…

[Continua a leggere]

Cassazione Civile, sez. I^, sentenza del 13 gennaio 2017, n°789 – sulla rideterminazione dell’assegno separatizio alla luce della sopraggiunta nascita di un nuovo figlio del coniuge obbligato e delle potenzialità lavorative del coniuge beneficiario

  • 20 gennaio 2017
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n°789 del 13 gennaio 2017, è ritornata sull’annosa questione della rideterminazione dell’assegno separatizio e/o divorzile a fronte della nascita di un figlio da una nuova relazione del coniuge obbligato.

La vicenda origina dal ricorso per cassazione di una moglie avverso il provvedimento con cui la Corte territoriale aveva, inter alia, disposto la revoca del modesto assegno separatizio convenuto tra i coniugi in sede di separazione…

[Continua a leggere]

Tribunale di Palermo ord. 23 dicembre 2016: inammissibile il giuramento decisorio deferito allo scopo di dimostrare la consistenza delle risorse economiche del coniuge nel giudizio di separazione o di divorzio

  • 31 dicembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

Il Tribunale di  Palermo, con ordinanza 23 dicembre 2016, dichiara l’inammissibilità del giuramento decisorio deferito al coniuge allo scopo di dimostrare l’effettiva consistenza delle sue risorse economiche nell’ambito di un giudizio di separazione o di divorzio.

Il giudice arriva a detta decisione considerando non tanto l’indisponibilità sostanziale del diritto alla prestazione di natura assistenziale,  quanto sulla base della dirimente argomentazione per cui il suo…

[Continua a leggere]

Tribunale di Grosseto – ordinanza 17 novembre 2016 concede il sequestro giudiziario di beni ereditari nella disponibilità di un solo erede

  • 31 dicembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

L’art.670 c.p.c. prevede come elementi necessari per la concessione della misura cautelare esclusivamente a) la controversia sulla proprietà o il possesso b) l’opportunità di provvedere alla loro custodia o alla loro gestione temporanea.
In ordine al primo requisito (“controversia sulla proprietà o sul possesso”) ciò che conta, secondo l’elaborazione giurisprudenziale più recente, non è tanto la causa petendi del giudizio (azione petitoria ovvero reale) quanto l’effetto restitutorio…

[Continua a leggere]

Sindrome da alienazione parentale e diritti del genitore non convivente: un’analisi della drammatica situazione italiana alla luce delle recenti condanne dell’Italia da parte della Corte EDU e della sentenza n°6919/16 della Corte di Cassazione

  • 28 dicembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Non è un mistero che la separazione e/o il divorzio legale tra marito e moglie, così come la separazione di fatto tra partners di coppie non coniugate, rischiano di avere gravi e dolorose ripercussioni anche sui figli, usati come arma in un vero e proprio conflitto tra i genitori. Troppo spesso, infatti, la crisi della coppia si estende alla coppia genitoriale, con grave e, aimè, irreparabile danno per i bambini.

Uno degli effetti maggiormente pregiudizievoli per i bambini è la c.d….

[Continua a leggere]

Riconoscimento, disconoscimento e dichiarazione giudiziale di paternità e maternità. Chi li può proporre e entro quali termini? Un’analisi della recente sentenza della Cassazione, n°24292 del 29 novembre 2016

  • 7 dicembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Sempre più spesso i nostri Tribunali sono chiamati a pronunciarsi sul riconoscimento dello status di figlio, in particolare nei confronti del padre biologico.

Al fine di comprendere meglio la questione è necessario preliminarmente ripercorrere la disciplina relativa allo stato di figlio, contenuta nel Libro I, Titolo VII, del codice civile, distinguendo a seconda che si parli di figlio nato dentro o fuori dal matrimonio (noti un tempo come figli legittimi e figli naturali).

Partendo…

[Continua a leggere]

Corte di Cassazione, sez. I^, sentenza del 29 novembre 2016, n°24292: sull’imprescrittibilità della dichiarazione giudiziale di paternità

  • 7 dicembre 2016
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte si è recentemente pronunciata sul ricorso promosso da un padre biologico avverso la sentenza con cui la Corte d’appello di Torino aveva accolto la domanda della figlia di veder dichiarata la sua paternità, nonostante fossero decorsi oltre 40 anni dal momento in cui la stessa era venuta a conoscenza della vera identità del padre, dichiarando manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 270 c.c. proposta dal padre.

Nella specie, il…

[Continua a leggere]

In onore di tutti i bambini che sono unici ma diversi

  • 4 dicembre 2016
  • avv. Maria Martignetti

Quando hai un figlio normale e prendi buoni voti, sei felice.
Quando fa quel che si chiede loro, uno è felice, ma è una gioia normale, perché ovviamente, è suo dovere; ma quando si ha un figlio con alcune limitazioni, in ogni apprendimento e opportunamente, uno premi e vibra come se avessi vinto La lotteria.
Vorrei chiedere un favore su un argomento importante!
È la settimana dell’educazione speciale… autismo, dislessia, ADHD (deficit di attenzione, ecc. ) per tutti i bambini che…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, sez. II^, sentenza n°22574 del 7 novembre 2016: Quando si può dire legittima la parcellizzazione del credito?

  • 18 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Con sentenza n°22574 del 2016, la II^ sezione della Suprema Corte di Cassazione ritorna sull’annosa questione della c.d. “parcellizzazione del credito” derivante da un unico rapporto obbligatorio, distinguendo i casi in cui la stessa integri o meno un illegittimo abuso del processo.

La vicenda de quo trae origine da due ricorsi, l’uno sommario e l’altro ordinario, con cui degli avvocati avevano convenuto in giudizio la Regione Calabria al fine di ottenere il pagamento non solo…

[Continua a leggere]

Tribunale civile di Roma, sez. I^, G.I. dott.ssa Galterio, sentenza dell’11 ottobre 2016, n°18799: Ammonito e condannato d’ufficio ex art. 709 ter c.p.c. al risarcimento del danno il genitore che non si attiva per riavvicinare il figlio all’altro genitore

  • 26 ottobre 2016
  • avv. Luigi Romano

Il Tribunale di Roma, con sentenza n°18799 dell’11 ottobre 2016, si pronuncia sul ricorso per la cessazione civile degli effetti del matrimonio con cui l’ex moglie aveva richiesto altresì l’affidamento esclusivo del figlio minore alla luce dell’acutizzarsi della conflittualità tra i genitori successivamente alla separazione tra gli stessi.

Il Tribunale, pur prendendo atto dell’elevata conflittualità tra i genitori – concretantesi in “…scaramucce di natura ritorsiva,…

[Continua a leggere]

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)