Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 30 ottobre 2019 n. 27771 – assegno di divorzio: funzione assistenziale, compensativa e perequativa

  • 1 novembre 2019
  • avv. Maria Martignetti

La Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 30 ottobre 2019 n. 27771 ha statuito che  all’assegno divorzile in favore dell’ex coniuge deve attribuirsi, oltre alla natura assistenziale, anche natura perequativo-compensativa. Detta natura discende direttamente dalla declinazione del principio costituzionale di solidarietà e conduce al riconoscimento di un contributo volto a consentire al richiedente non il conseguimento dell’autosufficienza economica sulla base di un…

[Continua a leggere]

Cass., 30 Settembre 2019, n. 24221 – Locazione di immobile ad uso non abitativo: nulla la clausola di rinuncia preventiva all’indennità di avviamento

  • 27 ottobre 2019
  • avv. Maria Martignetti

In tema di locazione di immobile ad uso non abitativo, la clausola contenente la rinuncia preventiva, da parte del conduttore, all’indennità di avviamento è nulla, ancorché sia stata pattuita a fronte della riduzione del canone, ai sensi dell’art. 79 della l. n. 392 del 1978, potendo il medesimo conduttore rinunciare alla detta indennità solo successivamente alla conclusione del contratto, quando può escludersi che si trovi in quella posizione di debolezza alla cui tutela la richiamata…

[Continua a leggere]

Non sussiste la giurisdizione italiana a pronunciarsi sull’affido e mantenimento di un minore residente abitualmente in un altro Stato UE, nonostante abbia la cittadinanza italiana e risieda anagraficamente in Italia – Cass. civ. Sez. Unite, ordinanza n°24608 del 02 ottobre 2019

  • 22 ottobre 2019
  • avv. Luigi Romano

Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, con ordinanza n°24608 del 02 ottobre 2019 hanno chiarito, in una controversia transfrontaliera concernente la richiesta di affido e il mantenimento di figlio minore all’interno di un giudizio di separazione, il difetto di giurisdizione del giudice italiano qualora il minore non risieda abitualmente in Italia, e ciò indipendentemente sia dalla sua cittadinanza che dalla sua residenza anagrafica.

Il caso

Una coppia, composta da un…

[Continua a leggere]

Illegittima la compensazione delle spese di lite a fronte del rigetto della domanda di risarcimento ex art. 96 c.p.c. proposta dai convenuti vittoriosi sul merito della lite – Cassazione civile, sez. II^, sentenza n°22951 del 13 settembre 2019

  • 15 ottobre 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n°22951 del 13 settembre 2019, chiarisce nuovamente i presupposti per ottenere la condanna ex art. 96 c.p.c. nonché illegittimità della compensazione delle spese di lite a seguito del rigetto della domanda di risarcimento ex art. 96 c.p.c. proposta dai convenuti totalmente vittoriosi sul merito della lite.

Il caso

La vicenda trae origine dalla sentenza con cui Tribunale di Pesaro aveva rigettato sia le domande principali degli attori sia la…

[Continua a leggere]

All’avvocato è dovuto il rimborso delle spese forfettarie nella misura del 15% anche in caso di omessa indicazione o quantificazione da parte del Giudice – Cassazione Civile, sez. I^, ordinanza n°9385 del 26 aprile 2018, depositata in cancelleria il 4 aprile 2019

  • 9 ottobre 2019
  • avv. Luigi Romano

Come noto, la legge n°247 del 2012, all’art. 13, co. 10[1], ha affidato al D.M. n°55 del 2014 la determinazione della misura massima della somma dovuta per il rimborso delle spese forfettarie, da quest’ultimo successivamente fissato, ai sensi dell’art. 2, co. 2, “…di regola nella misura del 15 per cento del compenso totale per la prestazione…[2].

La predetta formulazione è stata di recente oggetto d’interpretazione da parte della Suprema Corte a seguito della dedotta…

[Continua a leggere]

Esercizio del diritto di visita padre-figlio: il giudice non è vincolato dall’accordo raggiunto dalle parti – Corte Cassazione civile, sez. VI^ – 1, con ordinanza n°22411 del 21 maggio 2019

  • 27 settembre 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, sez. VI^ – 1, con ordinanza n°22411 del 21 maggio 2019, pubblicata in data 6 settembre 2019, ha chiarito la portata da attribuirsi al principio della corrispondenza tra chiesto e pronunciato con particolare riferimento alla modalità di affidamento di un figlio nato fuori dal matrimonio.

La vicenda in esame

I genitori di un bambino nato fuori dal matrimonio si rivolgevano congiuntamente al Tribunale per vedere regolamentato, conformemente all’accordo…

[Continua a leggere]

Diritto di regresso ex art. 148 c.c. del genitore che abbia sostenuto in via esclusiva le spese per il mantenimento del minore – Cass. civ. Sez. VI – 1, Ord., (ud. 07-05-2019) 19-06-2019, n. 16404

  • 1 luglio 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza ordinanza n°16404 del 19 giugno 2019, ha chiarito che, con riferimento al rimborso delle spese di mantenimento del minore, “…che ove ad esse abbia provveduto integralmente uno soltanto di suoi genitori (come pacificamente accaduto nella specie), a questi spetti il diritto di agire in regresso, per il recupero della quota relativa al genitore inadempiente, secondo le regole generali sul rapporto fra condebitori solidali: come si desume, in…

[Continua a leggere]

Debenza e quantificazione dell’assegno divorzile: oltre alla durata del matrimonio rileva anche l’addebitabilità della crisi coniugale Corte di Cassazione, sez. VI^ Civile – 1, ordinanza 26 marzo – 21 giugno 2019, n°16796

  • 1 luglio 2019
  • avv. Luigi Romano

I fatti di cui è causa

All’esito del primo e secondo grado di un giudizio di divorzio, un ex marito veniva condannato a corrispondere all’ex coniuge l’importo di € 400,00 mensili a titolo di assegno divorzile.

Senza darsi per vinto, lo stesso decideva di ricorrere sino in Cassazione, denunciando “la violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., della L. n. 898 del 1970, art. 5, comma 6, nonché il vizio di motivazione, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3…

[Continua a leggere]

Autovelox: la sanzione è nulla se la postazione non è chiaramente visibile e ben segnalata -Cassazione Civile, sezione VI^- 2, ordinanza n°6407 del 5 marzo 2019

  • 27 maggio 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione è recentemente intervenuta chiarendo quali siano le condizioni richieste dall’art. 142, comma 6 bis del Codice della Strada affinchè possa ritenersi legittimamente accertato l’eccesso di velocità mediante l’utilizzo dell’autovelox.

La vicenda trae origine dalle contestazioni di un caparbio automobilista, disposto a ricorrere sino in Cassazione ritenendo, a ragione, che fosse illegittimo l’accertamento della violazione mediante autovelox qualora,…

[Continua a leggere]

Quando l’omessa audizione del minore infradodicenne determina la nullità del giudizio disciplinante il suo affidamento – Cass. civ., sez. I^, sentenza n°10774 del 17 aprile 2019

  • 26 aprile 2019
  • avv. Luigi Romano

Corollario del principio del superiore interesse del minore è senza dubbio la sua audizione in ogni procedura giudiziaria che lo riguardi.

Detta audizione è divenuta obbligatoria, anche in Italia, a seguito della ratifica, con legge n°77 del 2003, della Convenzione di Strasburgo sullo esercizio dei diritti del fanciullo del 1996, che all’art. 6 all’uopo espressamente dispone: “Nei procedimenti che riguardano un minore, l’autorità giudiziaria, prima di giungere a qualunque…

[Continua a leggere]

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)