Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Illegittima la compensazione delle spese di lite a fronte del rigetto della domanda di risarcimento ex art. 96 c.p.c. proposta dai convenuti vittoriosi sul merito della lite – Cassazione civile, sez. II^, sentenza n°22951 del 13 settembre 2019

  • 15 ottobre 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n°22951 del 13 settembre 2019, chiarisce nuovamente i presupposti per ottenere la condanna ex art. 96 c.p.c. nonché illegittimità della compensazione delle spese di lite a seguito del rigetto della domanda di risarcimento ex art. 96 c.p.c. proposta dai convenuti totalmente vittoriosi sul merito della lite.

Il caso

La vicenda trae origine dalla sentenza con cui Tribunale di Pesaro aveva rigettato sia le domande principali degli attori sia la…

[Continua a leggere]

Giudizio civile d’impugnazione: Chi ha il diritto di ritirare il fascicolo di I^ Grado? – Circolare ministeriale del 7 gennaio 2019

  • 15 gennaio 2019
  • avv. Luigi Romano

Ad alcuni colleghi sarà capitato, nel proporre un’impugnazione sostituendosi al difensore che assisteva la parte nel primo grado di giudizio civile, di vedersi negata dalla cancelleria la facoltà di ritirare il fascicolo di parte.

Come noto il nostro codice di rito – art. 77 disp. att. c.p.c. in combinato disposto con l’art. 169 c.p.c., rubricato “Ritiro dei fascicoli di parte”[1] – si occupa unicamente della facoltà/diritto di ritirare il fascicolo di parte unicamente quando lo…

[Continua a leggere]

Facebook censura arbitrariamente il profilo di un utente. Condannata al ripristino del profilo e al pagamento di una penalità per ogni giorno di ritardo – Tribunale di Pordenone, decreto 10 dicembre 2018

  • 28 dicembre 2018
  • avv. Luigi Romano

A molti sarà capitato di pubblicare contenuti sulla propria pagina Facebook, che vengono “segnalati” ingiustamente. Ad alcuni sarà anche capitato di veder sospeso o cancellato il proprio profilo, senza avere modo di giustificarsi al fine di evitare l’ingiusta sanzione.

Di recente, il Tribunale di Pordenone si è trovato a pronunciarsi su un ricorso ex art. 700 c.p.c. e ex art. 614 bis c.p.c. con cui un utente, lamentando la chiusura arbitraria del proprio profilo da parte del…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, Sezioni Unite, sentenza del 28 settembre 2018 n°23620: è valida la notificazione eseguita all’indirizzo pec tratto dall’albo professionale di appartenenza, a prescindere dall’omesso inciso “notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994”

  • 22 ottobre 2018
  • avv. Luigi Romano

Con una recente pronuncia, datata 28 settembre 2018, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, hanno ritenuto valida la notificazione eseguita all’indirizzo pec di un collega, risultante dall’Albo professionale di iscrizione, ancorché priva dell’inciso “notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994” nonché dell’indicazione del codice fiscale della parte nel cui interesse era stato notificato il provvedimento giudiziario.

La vicenda in esame

Un’Azienda…

[Continua a leggere]

Corte Costizionale 19 aprile 2018 n. 77 – incostituzionale l’art. 92 co. 2 c.p.c. nella parte in cui non prevede la possibilità di compensare le spese di lite tra le parti in presenza di analoghe gravi ed eccezionali ragioni

  • 1 maggio 2018
  • avv. Maria Martignetti

Il giudice civile, in caso di soccombenza totale di una parte, può oggi compensare le spese di giudizio, parzialmente o per intero, non solo nelle ipotesi di “assoluta novità della questione trattata” o di “mutamento della giurisprudenza rispetto a questioni dirimenti” ma anche quando sussistono “altre analoghe gravi ed eccezionali ragioni”.
Lo ha stabilito la sentenza 19 aprile 2018 n. 77 (relatore Giovanni Amoroso) con cui la Corte costituzionale ha ampliato l’ambito della…

[Continua a leggere]

Modifiche agli artt. 20 e 27 del Codice Deontologico Forense pubblicate in G.U.

  • 1 maggio 2018
  • avv. Maria Martignetti

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale la delibera del Consiglio Nazionale Forense del 23 febbraio 2018 che ha modificato integralmente l’art. 20,  e  l’art. 27,  comma 3, del Codice Deontologico Forense.

Qui di seguito il testo degli articoli modificati:
«Art. 20 – Responsabilità disciplinare»
1. La violazione dei doveri e delle regole di condotta di cui ai precedenti articoli e comunque le infrazioni ai doveri e alle regole di condotta imposti dalla legge o dalla deontologia…

[Continua a leggere]

Inammissibile in quanto tardivo il ricorso per cassazione notificato per via telematica dopo le ore 21:00 dell’ultimo giorno utile – Cass. civ., sez. VI^, ordinanza n°31207 del 29 Dicembre 2017, pubblicata il 28 aprile 2018

  • 30 aprile 2018
  • avv. Luigi Romano

I fatti di causa:

La Suprema Corte – con ordinanza n°31207 del 29 Dicembre 2017, pubblicata il 28 aprile 2018 – si è pronunciata su un ricorso per cassazione proposto da una società avverso la sentenza con cui la C.d’A. dell’Aquila, confermando la decisione del Tribunale di Vasto, l’aveva condanna a risarcire i danni conseguenti alla mancata costituzione di un rapporto di lavoro con una sua dipendente, in ottemperanza a quanto era stato previamente disposto con provvedimento…

[Continua a leggere]

Notifica ex art. 140 c.p.c.: nulla se nella relata manca l’inequivoca indicazione delle specifiche ragioni che non hanno consentito la notifica ai sensi degli artt. 138 e 139 c.p.c. – Cass. civ., sez. VI^-II, ordinanza n°402 del 21 settembre 2017, depositata il 12 gennaio 2018

  • 23 gennaio 2018
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte, con ordinanza n°402 del 21 settembre 2017, depositata in data 12 gennaio 2018, si è pronunciata su un ricorso presentato dalla Prefettura di Genova a seguito dell’annullamento da parte del G.d.P. di Genova, confermato in secondo grado, di un’ordinanza d’ingiunzione di pagamento notificata ai sensi dell’art. 140 c.p.c. per incompletezza della relativa relata.

I fatti di cui è causa

La vicenda trae origine dal ricorso presentato da un cittadino avverso…

[Continua a leggere]

Notificazioni al difensore: nulla la notificazione al difensore extra districtum effettuata presso la cancelleria dell’ufficio giudiziario, salvo impossibilità di notificazione alla pec del difensore addebitabile al destinatario – Cass. Civ., sez. III^, ordinanza n°30139 del 14 dicembre 2017

  • 11 gennaio 2018
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte, con ordinanza n°30139 del 14 dicembre 2017 è ritornata sull’annosa questione della necessità o meno di indicare un domiciliazione fisica, a seguito dell’introduzione – ad opera dell’art. 16 sexies del D.L. n°170/12, convertito con L. n°114 dell’11 agosto 2014 –della c.d. domiciliazione “digitale”, ovvero dell’indirizzo pec comunicato dall’avvocato al proprio ordine di appartenenza.

La vicenda trae origine dal ricorso per cassazione presentato a…

[Continua a leggere]

Le notificazioni e comunicazioni degli atti giudiziari, anche di natura tributaria, sono ammissibili a mezzo servizi di posta privata ex l. 4 agosto 2017 n°124 solo a decorrere dal 10 settembre 2017 – Cassazione civile, sez. VI^, sentenza n°23886 del 26 settembre 2017, pubblicata l’11 ottobre 2017

  • 6 novembre 2017
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte è recentemente tornata sull’annosa questione dell’ammissibilità di un ricorso introduttivo notificato tramite un servizio di posta privato.

La vicenda trae origine dal ricorso per cassazione presentato da un avvocato avverso la pronuncia con cui la Commissione Tributaria Regionale della Campania aveva confermato la pronuncia con cui il CTP di Napoli aveva dichiarato inammissibile il suo ricorso in quanto notificato non a mezzo Poste Italiane bensì a mezzo di un suo…

[Continua a leggere]

Pagina 1 di 4 1234