Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Malfunzionamento della PEC non imputabile del destinatario? Legittima la comunicazione della sentenza a mezzo fax – Corte di Cassazione, sez. II^ Civile, ordinanza 18 settembre 2019 – 17 luglio 2020, n. 15298

  • 22 luglio 2020
  • avv. Luigi Romano

I fatti di cui è causa

All’esito di un ricorso ex art. 702 bis c.p.c., la cancelleria del Tribunale civile di Roma comunicava al difensore dei ricorrenti la relativa sentenza conclusiva a mezzo fax, stante il “fallimento del tentativo di effettuare la medesima comunicazione a mezzo PEC per il malfunzionamento della casella di posta certificata”, per causa non imputabile al destinatario.

Il ricorrente, non avvedendosi per tempo della predetta comunicazione, iscriveva al ruolo…

[Continua a leggere]

Separazione giudiziale trasformata in consensuale innanzi al giudice istruttore: il termine per la proposizione della domanda di divorzio è di sei mesi decorrenti dall’udienza presidenziale – Tribunale di Verona, sentenza n°761/2020 del 16 maggio 2020

  • 16 luglio 2020
  • avv. Luigi Romano

L’art. 3, comma 4, della legge n°898/1970 stabilisce che “…per la proposizione della domanda di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno dodici mesi dall’avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale e da sei mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale, ovvero…

[Continua a leggere]

Chiarimenti della Suprema Corte sul funzionamento del filtro di ammissibilità dell’appello ex art. 342 c.p.c. – Cass. civ. Sez. I^, Ord., (ud. 28-02-2020) 15-05-2020, n. 9021

  • 22 maggio 2020
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte, con la pronuncia in oggetto, ritorna sul controverso funzionamento del filtro di ammissibilità dell’appello, previsto dall’art. 342 c.p.c. conferma l’inammissibilità del gravame che si limiti a riproporre le considerazioni svolte in primo grado e non individui con esattezza i punti della sentenza oggetto di censura.

Il caso

La vicenda trae origine dall’ordinanza con cui il Tribunale di Torino aveva dichiarato inammissibile l’appello proposto avverso una…

[Continua a leggere]

Cessata materia del contendere: è dovere del giudice rilevarla, anche d’ufficio – Cass. civ. Sez. VI^ – 3, Ord., (ud. 27-06-2019) 22-04-2020, n. 8034

  • 28 aprile 2020
  • avv. Luigi Romano

Il fatto

La Corte d’Appello di Genova, nonostante le parti fossero addivenute ad un’intesa stragiudiziale all’esito dell’espletata CTU espletata nel giudizio di appello, si pronunciava sul merito dell’impugnazione rigettandola e condannando l’appellato al pagamento delle spese non imponibili sostenute dalla controparte in primo grado nonché al pagamento delle spese legali dell’appello.

Avverso tale decisione l’appellato proponeva ricorso per cassazione dolendosi, inter alia…

[Continua a leggere]

Compenso avvocato: inammissibilità della prova testimoniale per anticipazioni di pagamento per prestazioni professionali, se eccedente i limiti posti dall’art. 2721, comma 2, c.c. – Cassazione Civile, Sez. II^, sentenza n. del 12 settembre 2019, depositata in cancelleria il 20 aprile 2020

  • 23 aprile 2020
  • avv. Luigi Romano

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione, con sentenza n. 7940 del 12 settembre 2019, ha ribadito il principio, ormai cristallizzato dagli Ermellini, secondo il quale la deroga posta dal secondo comma dell’art. 2721 c.c. è ammissibile solo se giustificata da una concreta valutazione delle ragioni per cui la parte, incolpevolmente, non sia in possesso di documentazione scritta.

I fatti di cui è causa

La vicenda trae origine da un procedimento di ingiunzione promosso da un…

[Continua a leggere]

Covid-19 e Giustizia: i chiarimenti della Suprema Corte sulla portata delle misure adottate dal Governo, dalla sospensione dei termini processuali al rinvio delle udienze

  • 20 aprile 2020
  • avv. Luigi Romano

Dal 1° aprile 2020 sono disponibili sul sito http://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/Rel028-2020.pdf, i chiarimenti offerti dalla Corte di Cassazione sul contenuto e la portata delle misure adottate dal Governo per il contrasto al diffondersi del corona virus, di cui al D.L. n°18/2020.

In particolare:

  • il rinvio d’ufficio delle udienze deve essere inteso come “un mero rinvio ex lege e non di una sospensione dei processi, sicché non si applica…
[Continua a leggere]

È ricevibile il ricorso depositato telematicamente, ancorché privo della produzione della marca da bollo – Cass. Civ. Sez. I^, Ordinanza n°5372 del 27 Febbraio 2020

  • 14 aprile 2020
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte, con ordinanza n°5372 del 27 febbraio 2020, ha chiarito che è ricevibile il ricorso introduttivo depositato telematicamente, ancorché privo della produzione della marca da bollo, e ciò in quanto ai sensi del D.L. 18 ottobre 2012, n. 170, art. 16 bis, comma 7, conv. con modifiche in L. 17 dicembre 2012, n. 221, “il deposito con modalità telematiche si ha per avvenuto al momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore di posta…

[Continua a leggere]

Il giudice della separazione può modificare le statuizioni economiche anche in pendenza del divorzio, purchè non interferiscano temporalmente con quelle assunte medio tempore dal giudice del divorzio con ordinanza presidenziale – Cass. Civ. Sez. I^, sentenza (ud. 09-01-2020) del 27-03-2020, n°7547

  • 8 aprile 2020
  • avv. Luigi Romano

I fatti di cui è causa

In pendenza del giudizio di divorzio, la Corte d’Appello di Cagliari accoglieva il gravame proposto dalla moglie avverso la sentenza di separazione, aumentando il mantenimento per sé e per i figli sino al mese precedente all’adozione dell’ordinanza presidenziale da parte del giudice del divorzio; ciò in considerazione dell’aumento dei predetti assegni disposto dal giudice del divorzio in sede presidenziale.

Ricorreva avverso detto provvedimento il…

[Continua a leggere]

Decreto Legge “Cura Italia” (D.L. 18/2020): le nuove misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

  • 18 marzo 2020
  • avv. Luigi Romano

 

Di seguito una disamina del Decreto Legge “Cura Italia”,con particolare riferimento alle disposizioni relative ai procedimenti civili, pubblicato nelle ultimissime ore nella Gazzetta Ufficiale, n°70 del 17 marzo 2020.

Il Decreto, tra le misure economiche a sostegno di famiglie, lavoratori ed imprese, in materia di Giustizia dispone la proroga del periodo inizialmente nato come “Periodo cuscinetto”; il differimento urgente delle udienze e delle relative sospensioni dei termini…

[Continua a leggere]

Nessuna rimessione in termini qualora il decreto di differimento dell’udienza di comparizione ex art. 168 bis, comma 5°, c.p.c. intervenga successivamente al decorso del termine di cui all’art. 166 c.p.c. – Cass. civ. Sez. III^, Sentenza n°2394/20 del 10 settembre 2019, depositata in cancelleria il 3 febbraio 2020

  • 27 febbraio 2020
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione – con la sentenza, n°2394/20 del 10 settembre 2019, depositata in cancelleria il 3 febbraio 2020 – ha recentemente chiarito, attraverso una ricostruzione ermeneutica e letterale dell’art. 168 bis c.p.c., le conseguenze del differimento dell’udienza di comparizione sul termine di costituzione del convenuto, con particolare riferimento all’ipotesi eccezionale in cui il decreto di differimento ex art. 168 bis, co. 5, c.p.c. sia intervenuto dopo lo scadere…

[Continua a leggere]

Pagina 1 di 5 12345