Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Illegittima la compensazione delle spese di lite a fronte del rigetto della domanda di risarcimento ex art. 96 c.p.c. proposta dai convenuti vittoriosi sul merito della lite – Cassazione civile, sez. II^, sentenza n°22951 del 13 settembre 2019

  • 15 ottobre 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n°22951 del 13 settembre 2019, chiarisce nuovamente i presupposti per ottenere la condanna ex art. 96 c.p.c. nonché illegittimità della compensazione delle spese di lite a seguito del rigetto della domanda di risarcimento ex art. 96 c.p.c. proposta dai convenuti totalmente vittoriosi sul merito della lite.

Il caso

La vicenda trae origine dalla sentenza con cui Tribunale di Pesaro aveva rigettato sia le domande principali degli attori sia la…

[Continua a leggere]

All’avvocato è dovuto il rimborso delle spese forfettarie nella misura del 15% anche in caso di omessa indicazione o quantificazione da parte del Giudice – Cassazione Civile, sez. I^, ordinanza n°9385 del 26 aprile 2018, depositata in cancelleria il 4 aprile 2019

  • 9 ottobre 2019
  • avv. Luigi Romano

Come noto, la legge n°247 del 2012, all’art. 13, co. 10[1], ha affidato al D.M. n°55 del 2014 la determinazione della misura massima della somma dovuta per il rimborso delle spese forfettarie, da quest’ultimo successivamente fissato, ai sensi dell’art. 2, co. 2, “…di regola nella misura del 15 per cento del compenso totale per la prestazione…[2].

La predetta formulazione è stata di recente oggetto d’interpretazione da parte della Suprema Corte a seguito della dedotta…

[Continua a leggere]

Autovelox: la sanzione è nulla se la postazione non è chiaramente visibile e ben segnalata -Cassazione Civile, sezione VI^- 2, ordinanza n°6407 del 5 marzo 2019

  • 27 maggio 2019
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione è recentemente intervenuta chiarendo quali siano le condizioni richieste dall’art. 142, comma 6 bis del Codice della Strada affinchè possa ritenersi legittimamente accertato l’eccesso di velocità mediante l’utilizzo dell’autovelox.

La vicenda trae origine dalle contestazioni di un caparbio automobilista, disposto a ricorrere sino in Cassazione ritenendo, a ragione, che fosse illegittimo l’accertamento della violazione mediante autovelox qualora,…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, Sezioni Unite, sentenza del 28 settembre 2018 n°23620: è valida la notificazione eseguita all’indirizzo pec tratto dall’albo professionale di appartenenza, a prescindere dall’omesso inciso “notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994”

  • 22 ottobre 2018
  • avv. Luigi Romano

Con una recente pronuncia, datata 28 settembre 2018, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione, hanno ritenuto valida la notificazione eseguita all’indirizzo pec di un collega, risultante dall’Albo professionale di iscrizione, ancorché priva dell’inciso “notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994” nonché dell’indicazione del codice fiscale della parte nel cui interesse era stato notificato il provvedimento giudiziario.

La vicenda in esame

Un’Azienda…

[Continua a leggere]

Il c.d. danno dinamico-relazionale, conseguente alla morte dei figli, non è soggetto all’onere della prova – Cass. civ., sez. III^, ordinanza del 19 Luglio 2018, n°19158

  • 17 settembre 2018
  • avv. Luigi Romano

I fatti di cui è causa

I congiunti ed eredi di due giovani, morti a seguito di un incidente stradale, convenivano in giudizio il conducente della vettura – che, invadendo la loro corsia di marcia, ne aveva causato la morte – unitamente alla compagnia assicurativa, al fine di vedersi condannati in solido al risarcimento dei danni, dagli stessi quantificati in € 1.650.000,00.

Il Tribunale di Cuneo, investito della questione, pur ritenendo accertata la responsabilità esclusiva del…

[Continua a leggere]

Tribunale Roma 30 marzo 2018  n. 3713 – è necessario esaminare il contenuto concreto del contratto per dare prova della simulazione

  • 1 luglio 2018
  • avv. Maria Martignetti

Va  dichiarata la simulazione del contratto, dissimulante una donazione nel caso di un contratto di mantenimento, a rogito notarile, con il quale un parte trasferisce all’altra la proprietà di un immobile a fronte dell’impegno di quest’ultima al mantenimento, vita natural durante, della parte trasferente. E ciò in quanto la sproporzione del contenuto economico delle prestazioni gravanti sul vitaliziante rispetto al valore del bene alienato non è sufficiente ad imprimere al negozio…

[Continua a leggere]

Condanna di un padre per aver diffamato l’insegnante elementare del figlio – la dura presa di posizione della Suprema Corte – Cass. civ. sez. III^, Ordinanza n. 9059 del 12 aprile 2018

  • 27 aprile 2018
  • avv. Luigi Romano

Episodi di bullismo e di violenza tra studenti e insegnanti sono aimè sempre più frequenti non solo nella cronaca quotidiana ma anche nelle aule di Tribunale. Di recente la Corte di Cassazione pronunciandosi su un delicato giudizio originato dal ricorso presentato da una docente – vittima di una serie di infanganti ed infondate diffamazioni da parte del padre di un suo alunno – ha colto detta occasione per inviare un importante monito non relegabile al solo mondo giuridico.

I fatti di…

[Continua a leggere]

Danno da fermo tecnico? Addio alla presunzione, va comprovato e quantificato – Corte di Cassazione, sez. III^ Civile, sentenza 11 aprile – 31 maggio 2017, n°13718

  • 16 gennaio 2018
  • avv. Luigi Romano

Tra i danni di cui si chiede usualmente il risarcimento, in conseguenza di un incidente stradale, si annovera il c.d. danno “da fermo tecnico” o “da sosta tecnica”, consistente tanto nella perdita economica conseguente alla necessità di procacciarsi un veicolo sostitutivo, quanto nel mancato guadagno derivante dalla rinuncia forzata ai proventi che si sarebbero potuti conseguire attraverso l’uso del mezzo.

Il risalente e superato orientamento della Suprema Corte

La…

[Continua a leggere]

Le notificazioni e comunicazioni degli atti giudiziari, anche di natura tributaria, sono ammissibili a mezzo servizi di posta privata ex l. 4 agosto 2017 n°124 solo a decorrere dal 10 settembre 2017 – Cassazione civile, sez. VI^, sentenza n°23886 del 26 settembre 2017, pubblicata l’11 ottobre 2017

  • 6 novembre 2017
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte è recentemente tornata sull’annosa questione dell’ammissibilità di un ricorso introduttivo notificato tramite un servizio di posta privato.

La vicenda trae origine dal ricorso per cassazione presentato da un avvocato avverso la pronuncia con cui la Commissione Tributaria Regionale della Campania aveva confermato la pronuncia con cui il CTP di Napoli aveva dichiarato inammissibile il suo ricorso in quanto notificato non a mezzo Poste Italiane bensì a mezzo di un suo…

[Continua a leggere]

Cass. 4 ottobre 2017 n. 23192 – usura originaria: non spettano interessi alla banca

  • 10 ottobre 2017
  • avv. Maria Martignetti

La Sesta Sezione della Corte di Cassazione, con ordinanza 4 ottobre 2017 n. 23192, si è espressa ancora una volta sulla delicata e controversa questione del superamento del tasso soglia in materia di usura bancaria e, inparticolare, sulla questione riguardante la possibilità di sommare tra loro gli interessi corrispettivi e quelli moratori.

I giudici, respingendo il ricorso di un istituto bancario ha affermato che in tema di contratto di mutuo, l’art. 1 della legge n. 108 del 1996, che…

[Continua a leggere]

Pagina 1 di 4 1234