Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

Corte Costizionale 19 aprile 2018 n. 77 – incostituzionale l’art. 92 co. 2 c.p.c. nella parte in cui non prevede la possibilità di compensare le spese di lite tra le parti in presenza di analoghe gravi ed eccezionali ragioni

  • 1 maggio 2018
  • avv. Maria Martignetti

Il giudice civile, in caso di soccombenza totale di una parte, può oggi compensare le spese di giudizio, parzialmente o per intero, non solo nelle ipotesi di “assoluta novità della questione trattata” o di “mutamento della giurisprudenza rispetto a questioni dirimenti” ma anche quando sussistono “altre analoghe gravi ed eccezionali ragioni”.
Lo ha stabilito la sentenza 19 aprile 2018 n. 77 (relatore Giovanni Amoroso) con cui la Corte costituzionale ha ampliato l’ambito della…

[Continua a leggere]

Non integra un illecito disciplinare la testimonianza resa da un avvocato avente ad oggetto opinioni ed apprezzamenti circa la personalità del cliente, esulanti dal rapporto di mandato – SS.UU. sentenza n°22253 del 25 settembre 2017, pubblicata il 1° novembre 2017

  • 2 novembre 2017
  • avv. Luigi Romano

Le Sezioni Unite – con sentenza n°22253 del 25 settembre 2017, pubblicata il 1° novembre 2017 – sono tornate in questi giorni a pronunciarsi sui limiti entro i quali la testimonianza dell’avvocato avverso il proprio cliente debba considerarsi pienamente legittima e conforme ai doveri deontologici del difensore.

La vicenda vede come protagonista un collega meneghino il quale, dopo aver difeso in un procedimento per possesso di stupefacenti una cliente, sig.ra C.B., instaura con…

[Continua a leggere]

Cass. 11 gennaio 2017, n. 548: sul compenso dell’avvocato decide sempre il Giudice di merito in composizione collegiale.

  • 29 gennaio 2017
  • avv. Maria Martignetti

La sezione VI/2 della Corte di Cassazione, ordinanza 11 gennaio 2017, n. 548, nell’esaminare la questione:

  • cita l’art. 14, d.lgs. n. 150/2011 secondo cui «il Tribunale decide le controversie in materie di compensi per gli avvocati sempre “in composizione collegiale”, rientrando tali controversie nella riserva prevista per i procedimenti in camera di consiglio dall’art. 50-bis, comma 2, c.p.c.».
  • rileva che, nella fattispecie, ovvero più in generale in materia di…
[Continua a leggere]

No all’imposta di bollo per certificati anagrafici per uso notifica di atti giudiziari richiesti dagli avvocati – Agenzia delle Entrate, risoluzione n°24 del 18 aprile 2016

  • 24 gennaio 2017
  • avv. Luigi Romano

Finalmente una buona notizia per avvocati e clienti!

La Direzione Centrale Normativa dell’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n°24/E del 18 aprile 2016 avente ad oggetto il “Trattamento fiscale ai fini dell’imposta di bollo dei certificati anagrafici richiesti dagli studi legai per la notifica di atti giudiziari”, ha recepito il recente revirement del Ministero dell’interno riconoscendo l’ esenzione dal bollo per i certificati anagrafici per uso notifica di atti giudiziari richiesti…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, sez. II^, sentenza n°22574 del 7 novembre 2016: Quando si può dire legittima la parcellizzazione del credito?

  • 18 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

Con sentenza n°22574 del 2016, la II^ sezione della Suprema Corte di Cassazione ritorna sull’annosa questione della c.d. “parcellizzazione del credito” derivante da un unico rapporto obbligatorio, distinguendo i casi in cui la stessa integri o meno un illegittimo abuso del processo.

La vicenda de quo trae origine da due ricorsi, l’uno sommario e l’altro ordinario, con cui degli avvocati avevano convenuto in giudizio la Regione Calabria al fine di ottenere il pagamento non solo…

[Continua a leggere]

Cassazione civile, ordinanza n°22867 del 9 novembre 2016: In caso di improcedibilità dell’appello è dovere del giudice condannare la parte soccombente al pagamento del doppio contributo unificato

  • 15 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte di Cassazione, con ordinanza n°22867 del 15 settembre 2016, pubblicata in data 9 novembre 2016, chiarisce la natura della condanna dell’appellante soccombente al pagamento del doppio contributo unificato ex D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

La vicenda trae origine dal ricorso presentato da una donna, ammessa al gratuito patrocinio, avverso la sentenza con cui la Corte d’Appello della Capitale aveva dichiarato improcedibile il suo appello ex art….

[Continua a leggere]

Cassazione civile, sez. III^, sentenza n°21256 del 20 ottobre 2016: la liquidazione delle spese di lite deve avvenire sulla base delle tariffe vigenti alla conclusione del singolo grado di giudizio

  • 10 novembre 2016
  • avv. Luigi Romano

La Suprema Corte, con sentenza del 20 ottobre 2016, n°21256, si pronuncia nuovamente sulla liquidazione dei compensi dell’avvocato, cassando la sentenza con cui la Corte d’Appello di Catanzaro, riformando la sentenza del Tribunale di Vibo Valentia, aveva riconosciuto all’appellante, vittima di incidente stradale, un cospicuo risarcimento dei danni, anche da perdita di chances, liquidando tuttavia le spese processuali del primo grado di giudizio secondo i parametri di cui al D.M….

[Continua a leggere]