Martignetti e Romano - Studio Legale
Header Logo

Articoli e sentenze, suddivisi per aree tematiche

SEPARAZIONE LEGALE E SCIOGLIMENTO DELLA COMUNIONE

  • 15 settembre 2020
  • avv. Claudia Romano

(Cass. civ. Sez. VI – 2, Ord., 01-09-2020, n. 18156)

Il caso di specie riguarda una lite fra ex coniugi sulla proprietà comune di strumenti finanziari acquistati in costanza del regime di comunione legale e alienati dal solo marito, prima della separazione personale, sul presupposto della natura personale di tali strumenti (in quanto il loro acquisto era stato operato con capitali propri depositati all’estero e rimpatriati grazie al cosiddetto scudo fiscale).

In primo grado,  il Tribunale aveva accolto la domanda di condanna del marito al pagamento diretto della metà del valore dei titoli, avanzata dalla moglie in sede di precisazione delle conclusioni, essendo nel frattempo cessato il regime legale (tale cessazione si è verificato in corso di causa per effetto della modifica dell’art. 191 c.c., ai sensi del quale, nel caso di separazione personale, la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui il tribunale autorizza i coniugi a vivere separati).

La Corte d’Appello, a fronte della censura del marito, ha negato che vi fosse stato mutamento di domanda, argomentando che la richiesta di condanna pro quota costituiva una specificazione della originaria domanda di ricostituzione della comunione per equivalente.

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso del marito, evidenziando però che i giudici di merito avrebbero dovuto accogliere la domanda originaria della moglie, ciò in quanto, cessato il regime legale  tra i coniugi, rimane comunque intatta la contitolarità dei cespiti fino alla divisione.

Su tale assunto «il compartecipe che abbia chiesto nei confronti di altro compartecipe, di rimettere in proprietà comune un certo importo indebitamente sottratto, non incorre nel divieto di mutamento di domanda se chiede in corso di causa il pagamento diretto della propria quota. Il compartecipe debitore ha diritto di opporsi a tale domanda, non perché sia nuova, ma facendo valere il proprio interesse a ricostituire la comunione in vista della divisione, in modo da regolare in quella sede i rapporti di dare e avere, invece di pagare la quota del compartecipe fuori dalle operazioni divisionali».

 

Avv. Claudia Romano

Clear glass hour glass on brown wooden table

 

Allegati

 

Trovi interessante questo articolo? Condividilo!

 

«Dinanzi al magistrato non si va per tacere ma bensì per parlare, per far conoscere le proprie ragioni e i torti dell’avversario con dichiarazioni precise, positive e pertinenti alla lite» (L. MORTARA)